Bye bye Oasis?

Alla notizia del divorzio ufficiale degli Oasis annuiamo ma con poca convinzione. Al racconto dell’ennesima lite tra Noel e Liam ci crediamo ma è appunto l’ennesima. Solo dopo un pò ci […]

0895_141425_liamandnoelDC_02 Alla notizia del divorzio ufficiale degli Oasis annuiamo ma con poca convinzione. Al racconto dell’ennesima lite tra Noel e Liam ci crediamo ma è appunto l’ennesima. Solo dopo un pò ci rendiamo conto che, per la prima (e forse unica) volta, una lite tra i fratelli Gallagher ha portato alla rottura drastica. Concerti annullati e comunicati stampa che hanno fatto il giro del web e della stampa specializzata. Difficile credere alle rockstar capricciose, difficile sapere la verità sul perchè sia successo, e dopotutto qui il gossip non ci interessa. Ci interessa invece pensare ad una band che nel bene e nel male ha alimentato la scena brit pop per più di un decennio,  realizzando  un album, il secondo della loro carriera, che è diventato un caposaldo della musica dei ’90 e lo sarà per tutte le future generazioni: What’s the story morning glory. Alla produzione musicale, sin dagli inzi, si sono unite le liti tra i due leader Noel e Liam e quell’atteggiamento snob e spocchioso che ha caratterizzato la band, nonostante il rappresentante assoluto di questo modo di fare fosse stato quasi sempre e solo Liam Gallagher. Dagli insulti agli storici rivali Blur, ai commenti gratuiti su altri artisti come Cris Martin e Tom Yorke. Sicuri di aver conquistato l’Inghilterra ed anche il mondo intero con Wonderwall, i fratelli Gallagher hanno portato gli Oasis un gradino più su, quello del “sono figo e me la tiro”. E siamo ben lontani dai pensieri delle rock star maledette o in preda a deliri di onnipotenza, negli Oasis c’è stata sempre una punta di vanità e orgoglio per se stessi accompagnata da quell’essere fashion e cool che Liam ha sempre esagerato. Forse però proprio gli Oasis sono stati i pionieri di un nuovo modo di essere “rock star” in un ambiente diverso da quello scanzonato e felice del pop, spocchia a parte naturalmente. Quella che oggi chiamiamo ultima lite, ha messo fine a tutto, almeno per ora. Gli Oasis se ne stanno andando nel modo più semplice e comune a tutte la band, a cambiare ancora una volta è l’atteggiamento, pessimo guarda caso. Come due bambini viziati e stanchi, Liam e Noel annullano tutto. Si narra che la lite famigerata sia avvenua a Parigi pochi minuti prima della loro esibizione ad un festival, il live quindi salta e saltano anche tutte le date successive con grande rispetto per i propri stessi fan. C’era da aspettarselo. Ci stringiamo  allora noi al dolore di chi ha perso il proprio gruppo di riferimento, farà anche molto emo ma la musica è una cosa seria e molto molto romantica. Bye bye Oasis?

Mariella Tilena

Nella vita ho ricevuto due doni: una buona scrittura e una buona dose di curiosità. Forse avrei voluto ricevere anche il dono artistico del musicista, perchè le note per me valgono più di mille parole. Allora uso spesso la tastiera per raccontare di musica... ma non solo.

Potrebbero Interessarti

Citroën alla Design Week

Citroën torna alla Milano Design Week facendo partnership, anche quest’anno, con un grande nome dell’Italian design: Bertone Design Interior.

GORE-TEX REFRACTIONS alla Milano Design Week

Il brand protagonista con la sua tecnologia nel mondo fashion e sport, celebra il design e le collaborazioni al Fuorisalone

Domus Academy Prototyping Ideas

L prima scuola post-graduate di design in Italia, è stata protagonista di un ciclo d’incontri e workshop dedicati alla prototipazione di idee destinate a cambiare il mondo nel verso giusto.

Ultimi Articoli

BARCELONA

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

FASHION

Waxman Brothers SS18

Nuove fantasie per l’estate

FASHION

PUMA x XO

PUMA e The Weeknd lanciano il secondo drop della collezione PUMA x XO, ispirata ai viaggi dell’artista statunitense, fatta di colori vivaci, richiami militari e commistione di influenze orientali ed occidentali.

Top