One of a kind

stu_ungar2

“One of a Kind” narra la biografia di uno dei più grandi giocatori di Texas Hold’em mai esistiti. Parliamo di Stuey “Stu” Ungar in arte “The Kid”, il più forte giocatore professionista di poker di tutti i tempi. Quello che vi proponiamo è un buon libro dalla narrazione fluida e piacevole ed una volta iniziato, coinvolge a tal punto che non si riesce proprio più a smettere di leggerlo. Il libro narra dell’incredibile storia di un bambino prodigio già giovane campione imbattuto di Gin Rummy. Così l’autore spazia dai suoi trascorsi di infanzia a New York, dove il padre gestiva una sala scommesse, fino ad arrivare alla sua morte squallida e prematura in un motel di Las Vegas.

qwqw

In One of a kind lo scrittore si è avvalso della collaborazione di molti personaggi noti del mondo del poker, fra cui troviamo il miglior amico di Stu Ungar ovvero Mike Sexton, il quale gli è stato vicino nei momenti più difficili della sua vita. Il gioco che ha reso Stu ungar una giovane celebrità era il Gin Rummy, un gioco simile al nostro Ramino, ed in cui nessuno era il grado di batterlo, al punto che, dopo l’ennesimo torneo vinto a Las Vegas, gli fu proibito di partecipare a nuovi tornei. Di Ungar ricordiamo la celebre frase: “Some day, I suppose it’s possible for someone to be a better no limit hold ‘em player than me. I doubt it, but it could happen. But, I swear to you, I don’t see how anyone could ever play gin better than me.” ovvero “forse un giorno potrà nascere qualcuno più forte di me ad Hold’em, ma a Gin Rummy nessuno e dico nessuno sarà mai in grado di arrivare al mio livello”.

POTREBBERO INTERESSARTI