James Holden. Elettronica di frontiera

Imperdibile la terza, attesissima data italiana di James Holden (Verona, 29 maggio, Alter Ego). Se esiste una persona che da anni spinge e continua  a spingere la musica dentro al […]

Imperdibile la terza, attesissima data italiana di James Holden (Verona, 29 maggio, Alter Ego).

Se esiste una persona che da anni spinge e continua  a spingere la musica dentro al futuro – con coerenza, genio e incrollabile passione – quella persona è James Holden. Il Mozart della musica elettronica, con lo stesso spirito di anarchica innocenza, di predestinata (e non cercata) grandezza. Dagli epici esordi trance del 1999 nella scena underground londinese col singolo Horizons, ne ha fatta di strada l’appena trentenne James, fondatore nel 2003 (con Nathan Fake e altri amici) dell’etichetta Border Community. Comunità di frontiera. Avanguardia alle porte del futuro. Comunità fiabesca e sperduta, in una dimensione parallela alla monotona, spesso conformista, scena elettronica contemporanea. Musica dance che ha superato lo stesso concetto di dance, oppure, per dirla con parole Border, “musica che sfuma i confini tra la pista da ballo e la camera da letto”. Holden mescola tutti gli stili per creare qualcosa di unico, fresco, selvaggiamente affascinante. La sua non è “musica elettronica sperimentale”: è Musica, fatta con anima e cervello. Ascoltare per credere, the future is here.

Imperdibile la terza, attesissima data italiana di James Holden (Verona, 29 maggio, Alter Ego).
Se esiste una persona che da anni spinge e continua  a spingere la musica dentro al futuro – con coerenza, genio e incrollabile passione – quella persona è James Holden. Il Mozart della musica elettronica, con lo stesso spirito di anarchica innocenza, di predestinata (e non cercata)grandezza. Dagli epici esordi trance del 1999 nella scena underground londinese col singolo Horizons, ne ha fatta di strada l’appena trentenne James, fondatore nel 2003 (con Nathan Fake e altri amici) dell’etichetta Border Community. Comunità di frontiera. Avanguardia alle porte del futuro. Comunità fiabesca e sperduta, in una dimensione parallela alla monotona, spesso conformista, scena elettronica contemporanea. Musica dance che ha superato lo stesso concetto di dance, oppure, per dirla con parole Border, “musica che sfuma i confini tra la pista da ballo e la camera da letto”. Holden mescola tutti gli stili per creare qualcosa di unico, fresco, selvaggiamente affascinante. La sua non è “musica elettronica sperimentale”: è Musica, fatta con anima e cervello. Ascoltare per credere, the future is here.

Potrebbero Interessarti

GoGo Penguin: a new jazz perspective

Welcome to the new jazz scenario where group interaction, individual voice and talent, improvisation and syncopation all come together in the most amazing performance by 3 young lads from Manchester. […]

UBI Banca ti regala musica e notti magiche

Pronti per provare a vincere i più bei concerti dell’estate? “Senza Parole” è una delle canzoni più famose di Vasco Rossi. Chissà quanti hanno immaginato di cantarla a squarciagola insieme […]

Avant-pop, musica video e arti digitali alla preview del C2C15 x Romaeuropa

Venerdì 16 e sabato 17 ottobre il Club to Club va in trasferta. Questa volta la meta prescelta per la preview del più importante festival italiano di arte e cultura […]

Ultimi Articoli

FASHION

YATAY, la nuova sneaker sostenibile

Si chiama YATAY ed è una nuova sneaker attenta all’etica: realizzata artigianalmente in Italia con materiali ecologici di alta qualità, YATAY è una sneaker unisex che si rivolge al mercato del luxury con due silhouette: low and high.

FASHION

adidas Originals presenta Samba e Continental 80

Due silhouettes che arrivano dritte dagli archivi del brand tedesco

FASHION

RETROSUPERFUTURE LIMONE

L’occhiale per quest’estate? Il brand milanese RETROSUPERFUTURE continua a sfornare nuovi design, come LIMONE, ispirato agli anni ’70 italiani.

Top