Riarmate le Polaroid

Dopo aver annunciato il blocco della produzione della produzione delle land camera e relativi rullini nel 2008, dopo aver assunto Lady Gaga come direttore creativo per rimediare al disastro, Polaroid […]

Dopo aver annunciato il blocco della produzione della produzione delle land camera e relativi rullini nel 2008, dopo aver assunto Lady Gaga come direttore creativo per rimediare al disastro, Polaroid non riesce a sopprimere la passione per le foto istantanee. L’aver soppiantato la fotografia istantanea per tuffarsi industrialmente nella digitale, ha solo fatto capire alla multinazionale quanto fosse grossa la schiera di amatori a cui lasciava la bocca asciutta. Dal gennaio 2008 è iniziata la corsa agli armamenti più coinvolgente forse dopo solo la Guerra Fredda. La notizia, che le pellicole istantanee fossero messe decapitate e messe fuori produzione, fece accumulare scorte di rullini nei magazzini dei più abbienti e patire la nostalgia a tutti gli altri.

Forse nostalgici dei colori fotografati alle feste anni ’80, forse nostalgici dei colori slavati dalle pellicole scadute, un gruppo di buone anime ha ripreso in mano i vecchi stabilimenti e i vecchi macchinari per dare ancora alla luce pellicole, nuove pellicole per vecchi arnesi a loro detta. La produzione ha cominciato a dare i suoi frutti col 2010, quando le pellicole istantanee hanno ripreso timidamente piede nel mercato.

Knap e un gruppo di ex-lavoratori del gruppo hanno riarmato uno stabilimento olandese per dare vita a “Impossible Project“, facendo la speranza degli appassionati in formato fabbrica. Le fotocamere che per decenni hanno dato piacere istantaneo a molti, andavano, a detta della Polaroid Corp., velocemente surclassate dalla moderna fotografia digitale. Dopo aver cercato fortuna nel campo dell’elettronica (scanner, fotocamere, televisori, …) e aver subito il successo incassato nel frattempo da Impossible Project che andava nascendo, la multinazionale ha cercato di ripiegare sulla vecchia fama delle foto istantanee creando la linea PoGo, composta da fotocamera con stampante incomporata e stampante portatile, senza molto successo.

Ringraziando la vecchia fabbrica per tutte le land camera messe in circolazione, e sperando nella riuscita dell’ambizioso progetto di Knap e soci, rilassiamoci un po’ almeno per ora col grandioso matrimonio di una SX70 e una cartuccia Impossible PX70. | The Project

Potrebbero Interessarti

Impossible Project, mai più senza Polaroid

A che serve questo dannato mondo meccanico? A che serve una calcolatrice scrivente, quando hai davanti almeno tre device che ti possono aiutare a mettere insieme tutti i numeri di […]

Le combophoto di Stephen McMennamy

Il fotografo e art director Stephen McMennamy, di base ad Atlanta, realizza originalissimi mashup con foto apparentemente ordinarie e senza alcun nesso tra loro. Il risultato è ironico e di […]

PHōTOSGRAPHÉ // LUCEA SPINELLI

La fotografia è il processo di disegnare con la luce, come suggerisce la sua etimologia: un composto delle parole greche φωτός (foto) “luce” e γραφή (graphe) “rappresentazione per mezzo di […]

Ultimi Articoli

ARTS

Citazioni pratiche – Fornasetti a Palazzo Altemps

In scena le incursioni artistiche di Piero e Barnaba Fornasetti tra i cortili e le sale del Museo di Palazzo Altemps

ADVERTISING

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

BAGS

Eastpak presenta i nuovi prodotti per il prossimo Autunno

Novità e collaborazioni presentate al Pitti Uomo 18.

Top