Furoshiki, ovvero: l’arte di far fagotto

Il Furoshiki (fu-rosh-ki): un quadrato di tessuto, di varie dimensioni, che si può piegare e usare per avvolgere oggetti o come borsa, sciarpa, tovaglia, e molto altro. Multitasking, insomma, e […]

Il Furoshiki (fu-rosh-ki): un quadrato di tessuto, di varie dimensioni, che si può piegare e usare per avvolgere oggetti o come borsa, sciarpa, tovaglia, e molto altro. Multitasking, insomma, e da tempi non sospetti: fa parte della cultura giapponese fin dall’antichità.
E’ addirittura stato oggetto, qualche anno fa, di una campagna di sensibilizzazione all’uso da parte dell’allora ministro giapponese dell’ambiente: è molto più eco-friendly di un sacchetto di plastica.
se l’idea vi piace, DIY qui. Se la foto vi piace, ecco le info su un progetto che unisce textile design e tradizione giapponese.

Potrebbero Interessarti

Lost in Genova: autoproduzione sotto la lanterna il 14 e 15 giugno

Dopo aver raccontato altre città italiane, il workshop “LOST IN” organizzato dagli amici di BOLO Paper arriva nella città della lanterna e dell’acquario. Il format è sempre lo stesso che […]

MICROpiù OLIMPIADI

-29 a quelle invernali di Sochi. Un po’ meno tempo per le Olimpiadi di MICROpiù, tutte dedicate al mondo dell’editoria indipendente e, come al solito, con un cartellone super nutrito […]

Polkadot & Pietro Mazza vi fanno un regalo di Natale

Bruno Munari, uno che la sapeva lunga, qualche tempo fa aveva creato delle sculture da viaggio, da ripiegare in valigia, così da poter rendere personale ogni luogo visitato. Cogliendo questo […]

Ultimi Articoli

EVENTS

Parte oggi il Maker Faire Rome – The European Edition

Dal 12 al 14 ottobre Roma è al centro del dibattito sull’innovazione

DESIGN

Tediber, il comfort si ordina online

Un materasso dal prezzo competitivo e prestazioni hi-tech, in una nuova esperienza di acquisto

ARTS

Banksy ha distrutto una delle sue opere più famose

Non che ci fosse bisogno di conferme, ma l’artista (o il collettivo?) inglese ha di nuovo stupito il mondo. Come? Distruggendo una delle sue opere iconiche, non appena era stata battuta all’asta da Sotheby’s.

Top