Museum of Brands, Packaging and Advertising

Avete mai avuto un attacco di nostalgia improvvisa rivedendo le confezioni delle merendine che hanno accompagnato i pomeriggi della vostra infanzia? Se la risposta è sì, entrando in questo museo vi […]

Avete mai avuto un attacco di nostalgia improvvisa rivedendo le confezioni delle merendine che hanno accompagnato i pomeriggi della vostra infanzia? Se la risposta è sì, entrando in questo museo vi si aprirà un mondo.Catapultati in un time tunnel che mostra l’evoluzione del packaging dei più noti prodotti di consumo, inglesi e non, capirete ad esempio perchè le lattine nel dopoguerra avevano piccole etichette, perchè il logo Johnson&Johnson non è mai cambiato, e avrete risposte a molte altre domande che non vi erano mai passate per la testa, ma di cui ormai non vorrete più ignorare la risposta.

La collezione del Museo è accompagnata da una timeline che aiuta a capire il contesto in cui i prodotti sono nati ed erano consumati, conta circa 12.000 pezzi (tra cui giocattoli, detersivi, cosmetici, giornali, souvenir, generi alimentari: tutto rigorosamente originale) raccolti da Robert Opie, storico del consumo, fin da quando aveva 16 anni: ha iniziato con una barretta di cioccolato, e non ha più smesso. Uscendo, avrete una certezza: gli oggetti hanno un’anima. | image via

Potrebbero Interessarti

The Furla Society SS2018

Personaggi unici che interpretano l’ultima collezione in modo divertente e dinamico

DIESEL lancia il legal fake DEISEL

Mentre impazza la moda intorno ai loghi, DIESEL lancia una campagna audace destinata a far parlare di sé. Anzi, non una campagna, ma un vero e proprio brand: DEISEL.

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

Ultimi Articoli

ARTS

ARTEPARCO

Il designer Marcantonio inaugura il progetto di arte sostenibile nei boschi del Parco Nazionale d’Abruzzo

FASHION

Thalassa Home

Artigianato bohemien ispirato all’Egeo

MADE IN ITALY

Artctory

Una startup per dare visibilità al made in Italy nel mondo

Top