MM – Metropolitana Milano

Il logo della Metropolitana di Milano non è male, normale, a tratti banale. Si tratta di una M maiuscola bianca su sfondo rosso. Molti globetrotters si ricorderanno che i loghi […]

Il logo della Metropolitana di Milano non è male, normale, a tratti banale. Si tratta di una M maiuscola bianca su sfondo rosso. Molti globetrotters si ricorderanno che i loghi delle metropolitane di media non nascondono grande creatività, basti pensare a quella di Londra, NYC, Parigi, Bruxelles.. Ma a Milano all’inizio era stato proposto un logo che usciva dagli schemi con quell’ironia che noi italiani sempre riusciamo ad avere. Due M una speculare all’altra, quasi una rappresentazione di una Milano che non vive solo in superficie, ma con la stessa intensità anche underground… Ma partiamo dall’inizio. Bob Noorda in oltre 50 anni di carriera è stato autore di più di 150 marchi conosciuti in tutto il mondo – Coop, Touring Club, Eni, Enel, Rinascente – e ha collabrato con i piu grandi del suo tempo – Massimo Vignelli (grafica metro di NYC), Fanco Albini, Pino Tovaglia Roberto Sambonet. Il progetto dell’arredamento della Metropolitana di Milano era stato affidato a Franco Albini, (figura nota a molti) che saggiamente ha proposto a Bob di occuparsi della grafica di comunicazione della rete. (saggiamente perchè di solito i lavori progetto stazione-grafica erano fatti separatamente e senza coordinazione). A questo punto, Bob ha inserito numerose innovazioni, anche dettate sul buon senso, che sono poi quelle che vagamente ritroviamo anche adesso quando scendiamo sottoterra, dato che l’azienda della Metropolitana Milanese ha deciso di modificare le cose esistenti secondo dei criteri a oggi ancora sconosciuti. Ma riguardo una cosa piu “banale” per certi versi, meno utile ai fruitori ma piu di immagine, il LOGO che è stato proposto da Bob Noorda e rifiutato, secondo me rimane un simbolo di un occasione persa e di uno stato generale di cose molto poco stimolante.

Potrebbero Interessarti

Soulmates: Sven Marquardt in mostra a Milano

Dal 15 giugno al 21 luglio 2018 il buttafuori più famoso del mondo porta in mostra la sua arte, la fotografia, al Tempio del Futuro Perduto a Milano.

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

DUST ROAD RENEGADES: il nuovo corto di FREITAG

Realizzato dal filippino Ivan Despi e dal suo team Acid House. Persino suo figlio di cinque anni, Grey, ha partecipato disegnando i personaggi protagonisti!

Ultimi Articoli

FASHION

YATAY, la nuova sneaker sostenibile

Si chiama YATAY ed è una nuova sneaker attenta all’etica: realizzata artigianalmente in Italia con materiali ecologici di alta qualità, YATAY è una sneaker unisex che si rivolge al mercato del luxury con due silhouette: low and high.

FASHION

adidas Originals presenta Samba e Continental 80

Due silhouettes che arrivano dritte dagli archivi del brand tedesco

FASHION

RETROSUPERFUTURE LIMONE

L’occhiale per quest’estate? Il brand milanese RETROSUPERFUTURE continua a sfornare nuovi design, come LIMONE, ispirato agli anni ’70 italiani.

Top