BAM! Big Action Money

Il fenomeno della cultura pop degli anni 80 a New York si sa affascina molti, e ne sono testimonianza i film, i tributi musicali, mostre itineranti ed elementi di design […]

Il fenomeno della cultura pop degli anni 80 a New York si sa affascina molti, e ne sono testimonianza i film, i tributi musicali, mostre itineranti ed elementi di design che richiamano le forme e le figure diventate l’espressione di culto di quel periodo. E poi i protagonisti dalla personalità eccentrica e misteriosa: l’ispiratore Andy Warhol, ed i seguaci Jean Michel Basquiat e Keith Haring portati al successo da Warhol negli anni 80, e innumerevoli artisti che bazzicavano l’ambiente come Patti Smith, Madonna, e agli inizi i Velvet Underground (anni 60). La trama narrativa è ricca e gustosa. Questa volta però non si tratta di un film al cinema o di una retrospettiva, ma di uno spettacolo teatrale in scena al Teatro Scuola Paolo Grassi di Milano il prossimo 9 Dicembre. La drammaturgia di Big Action Money si basa sulla memoria diretta della vita e del lavoro di vari pittori impressa su articoli di giornale, recensioni o diari. La figura del pittore protagonista non si riferisce dunque ad un artista realmente esistito, ma racchiude allo stesso tempo l’essenza del fenomeno in toto. Il pittore protagonista è interpretato da Teodoro Bonci del Bene, che è anche l’ideatore dello spettacolo e che è il primo attore italiano del Teatro d’Arte di Mosca. Ad arricchire la rappresentazione ci saranno il musicista Marco Mantovani, che sperimenta jazz ed elettronica e che per l’occasione ripercorrerà le musiche degli anni ‘6o, e le installazioni video di Laura Casanova. Una formula insolita per il teatro che racchiude musica, cinema, pittura e teatro. L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria, per prenotarsi: IRENE GULMINELLI (comunicazione e promozione Big Action Money) bigactionmoney@gmail.com . Affrettatevi!

Mariella Tilena

Nella vita ho ricevuto due doni: una buona scrittura e una buona dose di curiosità. Forse avrei voluto ricevere anche il dono artistico del musicista, perchè le note per me valgono più di mille parole. Allora uso spesso la tastiera per raccontare di musica... ma non solo.

Potrebbero Interessarti

MusicaXAdulti

MusixaXAdulti è un esperimento di post-clubbing curato dalla crew milanese Inciso. Una volta ogni due mesi, fino ad Aprile, il Tunnel Club ospiterà una vera e propria esperienza che trascende […]

Torna Fuck Normality Festival

Il bellissimo Sudestudio di Guagnano, una location immersa fra gli ulivi della campagna salentina, si prepara ad ospitare la sesta edizione di Fuck Normality Festival, l’evento dedicato alla musica e […]

NeXTones: il festival in una cava storica del Piemonte

NeXTones è sicuramente uno degli eventi più affascinanti del panorama musicale italiano, e il merito non è solo di una location meravigliosa e suggestiva, ma anche di una direzione artistica […]

Ultimi Articoli

ARTS

Citazioni pratiche – Fornasetti a Palazzo Altemps

In scena le incursioni artistiche di Piero e Barnaba Fornasetti tra i cortili e le sale del Museo di Palazzo Altemps

ADVERTISING

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

BAGS

Eastpak presenta i nuovi prodotti per il prossimo Autunno

Novità e collaborazioni presentate al Pitti Uomo 18.

Top