Martino Midali

Linee morbide, capi comodi dal taglio raffinato, puliti, che profumano di un casual di classe, metropolitano, inconfondibile. Martino Midali esordisce negli anni 80, facendosi strada nel mondo della moda grazie […]

Linee morbide, capi comodi dal taglio raffinato, puliti, che profumano di un casual di classe, metropolitano, inconfondibile.

Martino Midali esordisce negli anni 80, facendosi strada nel mondo della moda grazie alla reinterpretazione della T-shirt, arricchita di lustrini, ricami e stampe pop. Oggi, ciò che rende unici i capi di Midali è l’idea di comfort e vestibilità: sono modelli che rispettano la personalità di chi li indossa, la valorizzano senza invaderla, dedicati a corpi di donne veri, non stereotipati. Lo stilista dice delle sue creazioni: “Sono capi senza spigolosità o rotture. E’ una moda fatta di forme aperte, versatili, in progress. Pezzi da avvolgere, sovrapporre, accostare con massima libertà e ricercata noncuranza. Da dinamizzare con personali invenzioni e soluzioni. Tutto all’insegna di una sofisticata naturalezza”.

La particolarità, oltre ai tagli fluidi, è rappresentata dall’utilizzo della “maglia” per tutti i capi, dai pantaloni alla giacca alla gonna, che li rende facili da indossare e pratici da abbinare. Il filato infatti è la chiave del marchio Midali, dietro al quale risiede un’accurata ricerca del particolare. Nei 30 anni di carriera, Martino Midali si è fatto portavoce di una politica commerciale e una missione anticonformiste, che si distanziano dal glamour del “runway tradizionale”. Non vedrete, infatti, alcuna sfilata di Midali durante la settimana della moda, né cartelloni pubblicitari: il prodotto si comunica da sé, esposto nei vari negozi monomarca a Roma e Milano: ambientazioni luminose, dalle architetture post-industriali, dove il tocco di colore e di stile è lasciato alla collezione.

Potrebbero Interessarti

Thalassa Home

Artigianato bohemien ispirato all’Egeo

adidas e GORE-TEX lanciano la giacca perfetta per la vita in città

GORE-TEX si unisce ad adidas Originals lanciando una giacca avveniristica con tecnologia KARKAJ, progettata insieme a Conroy Nachtigall, pioniere dell’abbigliamento funzionale.

“Indésirables”

Un nuovo brand che strizza l’occhio alle grafiche del maggio francese del ’68

Ultimi Articoli

ARTS

ARTEPARCO

Il designer Marcantonio inaugura il progetto di arte sostenibile nei boschi del Parco Nazionale d’Abruzzo

MADE IN ITALY

Artctory

Una startup per dare visibilità al made in Italy nel mondo

DESIGN

La nuova scuola italiana: BURRO STUDIO

Federica Caserio e Giovanni Manzini sono l’anima creativa di BURRO STUDIO. In viaggio costante fra Milano e Verona, navigano fra branding, t-shirt ed eventi esotici.

Top