5 dischi del 2010 consigliati da Breakfast Jumpers

Nonostante una certa internazionalità che ci caratterizza, non potevamo tralasciare anche quest’anno la musica italiana, quella buona però che sopravvive degnamente fuori dai circuiti commerciali e la ritroviamo attiva nella rete e grazie alla rete. Sono proprio i blog, le nuove fanzine online, i siti musicali indipendenti, i canali twitter ed anche Facebook che muovono la buona musica italiana velocemente, facendola conoscere ed apprezzare a tanti utenti. The Breakfast Jumpers è uno di questi canali, è un progetto con delle finalità molto interessanti e come recita il loro manifesto: “The Breakfast Jumpers vuole promuovere musicisti, gruppi emergenti e cercare di recuperare artisti e dischi dimenticati del nostro panorama indipendente (ma non solo)“. E’ un sito senza fini di lucro che offre numerosi album in free download o streaming (con il consenso degli artisti). Per questo motivo abbiamo chiesto agli amici di Breakfast JumpersLucy Van Pelt e DvD, di consigliare ai lettori di Polkadot i 5 dischi italiani da ricordare dell’appena passato 2010, ed ecco il loro responso:

1. Non Voglio Che Clara – “Dei Cani
2. Massimo volume – “cattive abitudini
3. Drink to me – “Brazil
4. Edwood – “Godspeed
5. Verme – “Un verme resta sempre un verme

POTREBBERO INTERESSARTI