Wrangler & Blue Bell

Più che di un jeans e una maglietta, il mondo Wrangler ci veste di un immaginario, quello che appartiene alle valli sconfinate degli Stati Uniti attraversato da enormi stradoni percorsi […]

Più che di un jeans e una maglietta, il mondo Wrangler ci veste di un immaginario, quello che appartiene alle valli sconfinate degli Stati Uniti attraversato da enormi stradoni percorsi da giovani sognatori che dagli anni ’50 ad oggi hanno indossato, appunto, soltanto un denim e una t-shirt per la loro avventura on the road. Il New Folk torna di moda. Dalla musica alle passerelle, passando per il cinema, camicie a quadri e jeans decolorati riempiono gli armadi dei più “selvaggi”. Tutto ci rimanda a quell’atmosfera oltre oceano. Visitando il sito ufficiale del marchio, due giovani si inoltrano in un viaggio che li porta, con il loro pick up da New York a Los Angeles mentre dune, motel, laghi, deserti, distributori di benzina e la west coast americana fanno da sfondo.

L’americanità emerge con prepotenza in tutte le campagne pubblicitarie targate Wrangler. Una pioggia di awards ha investito il brand nel 2010, il quale è stato premiato dalla LIA (London International Awards) e dal Global Fashion Award di New York per RED, l’ultimo capitolo del piano di comunicazione We Are Animal, in cui uomini e donne vengono catturati in un lago di acqua rosso sangue. Ciò che maggiormente salta all’occhio è lo stretto rapporto che il brand americano instaura con l’arte. A partire dalla collezione FW11, Wrangler Blue Bell legherà la propria immagine ad un artista, designer o architetto americano contemporaneo partendo dalle origini del marchio che ha fatto la storia del denim americano. David Buckingham sarà il primo: artista new pop che riutilizza vecchi materiali industriali per installazioni artistiche e i cui colori pop vengono riproposti negli outfit Blue Bell. Pantaloni a costine ed effetto consumato uniti a camicie blu in denim o chambray e giacche da motociclista costituiscono lo scheletro dello stile Wrangler- Blue Bell, uno stile che a nostro avviso non passerà mai di moda. Un marchio è una storia…

Federica Sfregola

Da piccola sognava di diventare un'archeologa, ma molto presto ha capito che il "vecchio" non faceva per lei. L'arte, invece, le è rimasta tra le vene. Appassionata di creatività, trascorre troppo tempo a navigare nel web cercando novità (artistiche, musicali, cinematografiche, modaiole) ascoltando SOLO musica indipendente. Le piace il decollo degli aerei, la luce che filtra tra i rami degli alberi e gli Arcade Fire. Non le piace chi la chiama "cara", il disordine e la parola "ormai".

Potrebbero Interessarti

Soulmates: Sven Marquardt in mostra a Milano

Dal 15 giugno al 21 luglio 2018 il buttafuori più famoso del mondo porta in mostra la sua arte, la fotografia, al Tempio del Futuro Perduto a Milano.

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

DUST ROAD RENEGADES: il nuovo corto di FREITAG

Realizzato dal filippino Ivan Despi e dal suo team Acid House. Persino suo figlio di cinque anni, Grey, ha partecipato disegnando i personaggi protagonisti!

Ultimi Articoli

FASHION

Vans x Van Gogh Museum

Una collaborazione esclusiva tra Vans e il Van Gogh Museum di Amsterdam

FASHION

PUMA RS-0 SOUND

Dal 16 agosto la nuova sneaker ispirata alle music vibes anni ’80

DESIGN

La nuova scuola italiana: BURRO STUDIO

Federica Caserio e Giovanni Manzini sono l’anima creativa di BURRO STUDIO. In viaggio costante fra Milano e Verona, navigano fra branding, t-shirt ed eventi esotici.

Top