Wow – Verdena in tour!

Dal vivo il sound dei Verdena è ancora più amplificato che su disco: suoni psichedelici, forti, densi, accompagnati dai testi che evocano inevitabilmente scene di mondi e volti che fanno parte della vita di ogni persona. Quando si è in mezzo a questo vortice, ognuno si perde dentro di se, dimenticando tutto quello che c’è attorno. Ognuno è solo a nuotare nelle proprie emozioni e allucinazioni generate da un miscuglio disordinato di suoni che colpisce diretto. Due ore al Viper Club di Firenze (lo scorso 18 marzo), in cui il nuovo album è eseguito abbondantemente e l’impatto con il pubblico è ottimo. Il nuovo disco “Wow” si conferma brillante e molto coinvolgente, in particolare Scegli Me, Loniterp, Miglioramento, Razzi Arpia Inferno e Fiamme, Nuova Luce. Ma grande è l’emozione anche  quando arrivano i classici Viba, Piuma, Nova, Luna, Logorrea, che trasformano il pubblico in un unico coro che canta all’unisono. Una menzione speciale per Il Gulliver che dal vivo si dimostra il capolavoro quale è: suoni, luci, parole che fanno chiudere gli occhi e viaggiare. Arricchiscono ulteriormente la serata Canos, Muori Delay, Il Caos Strisciante. Ed infine i Verdena ci lasciano cullandoci con Lei Disse. Il risultato finale è in una parola: orgasmico. Ecco forse perchè non ci si stancherebbe mai di vedere un live dei Verdena. Qui le prossime date del tour estivo, da non perdere!

06/05 Palermo, Biergarten
07/05 Catania, Mercati Generali SOLD OUT

04/06 Gradisca d’Isonzo (GO), Ciao Luca
10/06 Venezia, Heineken Jammin Festival
11/06 Cuneo, Nuvolari
12/06 Milano, MIami
30/06 Bergamo, Rock Island
03/07 Ferrara, Ferrara Sotto Le Stelle
12/07 Rho (MI), Flippaut Reloaded
16/07 Lecce, Italia Wave
17/07 Roma, Villa Ada
12/08 Budapest (H), Sziget Festival
18/08 Brescia, Festa di Radio Onda d’Urto
20/08 Bardineto (SV), Balla coi Cinghiali

Written by Mari Zucca Negative Creep



Nella vita ho ricevuto due doni: una buona scrittura e una buona dose di curiosità. Forse avrei voluto ricevere anche il dono artistico del musicista, perchè le note per me valgono più di mille parole. Allora uso spesso la tastiera per raccontare di musica... ma non solo.