A nice chat with…Turnpike Glow

Devo ammetterlo: quando finalmente ho avuto il piacere di conoscerli (virtualmente), ho pensato che Sandro e Giuseppe avrebbero dovuto cimentarsi anche in un pò di sano cabaret, oltre che nel […]

Devo ammetterlo: quando finalmente ho avuto il piacere di conoscerli (virtualmente), ho pensato che Sandro e Giuseppe avrebbero dovuto cimentarsi anche in un pò di sano cabaret, oltre che nel fare musica. La realtà è che sono due ragazzi molto, ma molto, simpatici e con un pò di sana “ciccia musicale”.

Cresciuti negli ambienti romani del Circolo degli Artisti, stanchi di andare avanti e indietro da Londra, Sandro e Giuseppe, si sono trasferiti nella capitale inglese per perseguire la loro passione. In un insolito giorno di pioggia londinese, tra una linea e l’altra della metro, si imbarcano in Anthony e James, rispettivamente batterista e chitarrista. Tra una chiacchera e una risata, una risata e una pinta (anche se Sandro e Giuseppe sostengono che si “sono spaccati la schiena per trovare i componenti del gruppo”) hanno unito le loro forze e hanno creato i Turnpike Glow.
Coincidenza vuole che Sandro e Giuseppe abitino vicino ad una fermata della tube chiamata Turnpike Lane la quale, mi confermano, non essere motivo di ispirazione per il nome del gruppo (al limite della pronunciabilità per noi italiani!) In realtà, l’ispirazione nasce dai Deus i quali, nell’album chiamato In a Bar, cantavano Theme for Turnpike. Ecco e il “Glow? – ho chiesto loro – da dove salta fuori? “Prima parola trovata sul vocabolario!” mi rispondono.

Detto ciò, perchè ci piacciono i Turnpike Glow?
Senza cadere nella ormai inflazionata categoria delle indie band, direi che i nostri ragazzi ci piacciono per la freschezza nel suono, per i ritmi e melodie che ricordano i Pavements, Flaming Lips, i Phonenix, i quali sono anche loro ispirazione (dopo lo scioglimento dei Ragazzi Italiani, mi rispondono ridacchiando). Il tutto condito da una buona carica energica, una ritmica interessante, e tante tante chitarre. Dopo il primo EP sperimentale autoprodotto nel 2005 dal titolo Rush home, con significative componenti elettroniche, i Turnpike Glow sono alle prese con il loro primo vero album.
Due primizie musicali, Debussy (il mio preferito) e No More Dancing, sono state già divulgate nella fanpage di Facebook. Aspettiamo nuovi ed eccitanti brani. Per gli amanti delle sonorità senza fronzoli e che strizzano l’occhio al brit rock, l’ascolto è sicuramente consigliato!

Potrebbero Interessarti

La nuova scuola italiana: Astrid Luglio

Incontriamo Astrid Luglio in un caffè alla moda nel quartiere China Town di Milano. inaugurando una nuova serie di interviste in cui cercheremo di entrare in contatto con i nuovi talenti dello Stivale.

Viaggio nella fabbrica di FREITAG

È proprio vero che le idee migliori vengono per caso, o quasi: così è iniziata la storia di un brand che abbiamo a cuore, da molto tempo. Stiamo parlando di […]

Far suonare le cose: i Quiet Ensemble e il loro lavoro per adidas EQT

Bernardo Vercelli e Fabio Di Salvo sono Quiet Ensemble, un duo artistico romano che da qualche anno viaggia per festival e luoghi dell’arte mostrando una poetica che unisce natura e tecnologia, alla ricerca di dettagli nascosti (spesso suoni impercettibili) che rendono visibili al pubblico.

Ultimi Articoli

DESIGN

Arper | il Design Made in Italy al Salone del Mobile

Intervista con il presidente dell’azienda travigiana Claudio Feltrin

DESIGN

GORE-TEX REFRACTIONS alla Milano Design Week

GORE-TEX, il brand protagonista con la sua tecnologia nel mondo fashion e sport, celebra il design e le collaborazioni al Fuorisalone di Milano con REFRACTIONS, una mostra dedicata ai prodotti e al nuovo marchio GORE-TEX INFINIUM.

DESIGN

RETROSUPERFUTURE FRED

Realizzati da sapienti mani artigiane italiane, i nuovi RETROSUPERFUTURE FRED nascono per anticipare i trend, con le loro forme spigolose e una palette di colori audace.

Top