Transmission: Sandra Dieckmann

It starts today TRANSMISSION – Polkadot Mixtape Club, a new column featuring a classical interview together with a mixtape to listen (and download) selected by the guest who will answer to our curiosity. Let’s start with Sandra Dieckmann,, she lives in London and is talented illustrator, her subjects are often animals, represented in a romantic and surrealistic way; she picked some tracks for Polkadot, another way to know her more…

Parte con questo post TRANSMISSION – Polkadot Mixtape Club, la rubrica che accompagnerà la classica intervista ad un mixtape da ascoltare (e scaricare), frutto della scelta musicale di chi di volta in volta si sottoporrà alla nostra curiosità. Iniziamo con Sandra Dieckmann, lei vive a Londra ed è un’ illustratrice di grande talento, i suoi soggetti sono spesso animali, rappresentati in chiave romantica e surreale; ha scelto per noi alcune tracce, un modo in più per conoscerla…

1.Where does your passion for animals come from?
I don’t know if it comes from anywhere. It’s just there. It’s always been there. It feels like the truth. I love their eyes, the way the move and I’m fascinated by the fact that evolution has set us humans apparently so profoundly apart from all other creatures that roam this planet. We carry a self , an ego that is misinterpreted by many humans as a superior quality. For me it only means responsibility. Everything is related and interlinked and I think we should pay more attention not only to our own race .

Da dove deriva la tua passione per gli animali?
Non so se deriva da qualsiasi luogo. È solo lì. È sempre stata lì. L’avverto come se fosse la verità. Amo i loro occhi, il modo in cui si muovono e sono affascinata dal fatto che l’evoluzione ha creato noi esseri umani apparentemente così profondamente diversi da tutte le altre creature che vagano per il pianeta. Noi esseri umani siamo così fieri da considerarci superiori. Per me significa solo responsabilità. Tutto è legato ed interconnesso e penso che dovremmo prestare maggiore attenzione non solo alla nostra razza.

2.What is your technique, do you have some favourite tool?
I mainly use pencil (graphite) and pen. Sometimes I worked with inks and most of the time my work is carried into digital means. I don’t want to get stuck though. I’m very much interested in screen printing and collage and hope to experiment while I creatively grow.

Qual è la tua tecnica, hai qualche strumento preferito?
Principalmente uso matita (grafite) e penna. A volta lavoro con gli inchiostri e spesso con mezzi digitali. Anche se non voglio rimanere bloccata. Sono molto interessata alla serigrafia e al collage e spero di crescere creativamente mentre sperimento.

3.Tell us more about Tukota, the book project you are currently working on ?
Tukota, the white bison is a work of love. My mother who passed away was absolutely in infatuated with bison and I’m doing this book for her as well as myself. It’s in memory of a beautiful strong woman and a playful retelling of the legend of the white bison who spoke to the native American Indians.The narrative is not planned in any way and I’m taking my time with this project. I work on ideas whenever I get the time and while I’m working on commissions enjoy going back to learn more about the legend.

Ci parli di Tukota, il tuo “libro progetto” a cui sta attualmente lavorando?
Tukota, il bisonte bianco è un lavoro d’amore. Mia madre, ormai scomparsa, era assolutamente appassionata del bisonte e sto realizzando questo libro per lei e per me. È in memoria di una donna bella e forte ed è una rivisitazione giocosa della leggenda del bisonte bianco, che ha parlato agli indiani nativi americani. La storia è in divenire, non è pianificata. Lavoro sulle mie idee ogni volta che ho tempo e mentre sto lavorando su commissione mi piace ritornare alla leggenda per approfondire.

4.What is your relationship with music, does it help you to draw?
I always have audio in the background when I work. In form of music or movies. It really depends on how I feel. Illustrating means many many hours spend in solitude and it carries me along. When I like something I really love it and play it over and over again until I can’t listen any more. Sometimes when a piece is self initiated and it is connected to certain emotions lyrics and music really come into it. I want to stay in that mood and place for a prolonged time and that’s when it is really important.

Qual è il tuo rapporto con la musica, serve a disegnare?
Ho sempre l’audio in sottofondo quando lavoro. In forma di musica o film. Dipende molto da come mi sento. Illustrare significa trascorrere in solitudine molte e molte ore e mi trascina. Quando mi piace qualcosa che veramente amo, l’ascolto più e più volte fino a quando non ne posso più. A volte, quando un pezzo parte da sé ed è connesso ad alcune parole o emozioni o musica mi abbandono. Voglio rimanere in quello stato d’animo e in quel luogo a lungo. Quel momento diventa davvero importante.

5. How did moving from Germany to London influence your artistic approach?
I miss the never-ending green countryside and the farms and the quite life often. Had I stayed in Germany I would have probably studied veterinary medicine. Coming to London only really kick-started my realisation that my way of communication was visual. Maybe the longing to be elsewhere but simultaneously having the knowledge that the city was the place for me to be at the moment was the catalyst for really putting the pen to paper.

ll trasferimento dalla Germania a Londra ha influenzato il tuo approccio artistico?
Mi mancano spesso l’infinita campagna verde, le fattorie e la vita tranquilla. Se fossi rimasta in Germania, probabilmente avrei studiato medicina veterinaria. Venendo a Londra ho realmente realizzato che il mio modo di comunicazione era visivo. Forse il desiderio di essere altrove e simultaneamente avendo la consapevolezza che la città era il luogo per me in cui stare al momento è stato il catalizzatore per mettere realmente la penna sul foglio.

6. Who do you think is the typical “audience” of your works ?
Anybody. I think children enjoy my work as much as older people and us in-betweeners.

Chi pensi sia il tipico “pubblico” dei tuoi lavori?
Chiunque. Penso che il mio lavoro piaccia sia ai bambini sia alle persone anziane.

TRANSMISSION_01 : SANDRA DIECKMANN

Prince – I Would Die 4 U
Ashra – ’77 Slightly Delayed
Lyle Lovett – If I Had A Boat
Magnetic Fields – Grand Canyon
Fleetwood Mac – Everywhere
Bob Dylan – Mama, You’ve Been on My Mind
Wooden Shjips – Fallin’
Kiki’s Delivery Service – Pan-Ya No Tetsudai
Daniel Johnston – Some Things Last A Long Time
Tom Waits – Martha
The Velvet Underground – All Tomorrow’s Parties
Blue Öyster Cult – I Love the Night
Genesis – The Brazillian
Great Lake Swimmers – I Saw You In The Wild
The Stooges – I Wanna Be Your Dog

Download 01_Transmission_SandraDieckmann.zip [113mb]

POTREBBERO INTERESSARTI