HUNTER’S RAIN BOOTS

I rain boots, irresistibili per la loro origine inglese ed aristocratica e per la loro praticità, da anni dominano le scene. Non mancano nelle collezioni delle griffe più quotate. È […]

I rain boots, irresistibili per la loro origine inglese ed aristocratica e per la loro praticità, da anni dominano le scene. Non mancano nelle collezioni delle griffe più quotate. È Il brand scozzese Hunter a distinguersi per quei modelli ricercati e particolari, sinonimo di comodità e femminilità. Le collezioni Hunter propongono modelli di stivali in caucciù, di ogni foggia e colore, dalle linee essenziali e dalla marcata originalità e robustezza; dei rain boots di gomma mista a vernice a prova di pioggia da indossare con charme e classe. Risultano irresistibili gli Hunter by Jimmy Choo, un modello d’ispirazione animalier, dall’effetto vernice con stampa in coccodrillo e fibbie, che sintetizza utilità e glamour. Indubbiamente casual-chic ed eco-friendly! Qui altri modelli.

Potrebbero Interessarti

DIESEL lancia il legal fake DEISEL

Mentre impazza la moda intorno ai loghi, DIESEL lancia una campagna audace destinata a far parlare di sé. Anzi, non una campagna, ma un vero e proprio brand: DEISEL.

Marni Mrs Midi: ora sai cosa regalarle a San Valentino

L’edizione speciale della bag di MARNI celebra la festa degli innamorati.

Levi’s Sportswear Spring Summer 2018

Levi’s rilancia il logo storico delle Olimpiadi di Los Angeles 1984 con una nuova collezione spring/summer per l’uomo e la donna.

Ultimi Articoli

DESIGN

Drinkinfinity, la bottiglietta d’acqua del futuro targata Pepsi

Il colosso statunitense risponde alla crisi delle bevande gassate con un superfood dedicato ai salutisti. Riuscirà a fare breccia nel nostro cuore?

ARTS

Birra Raffo e street artist: etichetta limited per la riqualificazione di Taranto

Birra Raffo si rifà il look con le nuove etichette limited edition disegnate dagli street artists Mr. Blob e Stencil Noire

MUSIC

THE PINK FLOYD EXHIBITION: THEIR MORTAL REMAINS

Dopo l’enorme successo al Victoria and Albert Museum di Londra, la prima tappa internazionale a Roma della mostra già visitata da più di 400.000 persone

Top