Elita Festival 2012 Diary|Day#3

Devo, devo, devo, devo iniziare questo post parlando di loro: Connan Mockasin e la sua band! Tutto è iniziato all’Elita Festival 2012 con una surreale intervista (che a breve pubblicheremo su questo sito) in cui abbiamo scoperto che il suo primo viaggio in Italia, sei anni fa, è avvenuto in Puglia, terra natale della sottoscritta e di “una metà” del progetto Polkadot. Poi il suo live, subito dopo la performance dei londinesi e indie-pop Citizens, che si è rivelato una vera e propria scoperta! Il pop psichedelico, il jazz e il freak-pop del cantautore neozelandese hanno scatenato il pubblico che ha potuto condividere un’ora e mezza di pura follia da stage tra cori, improvvisate passerelle e cover di Michael Jackson. Sono certa che nessuno voleva che quel momento finisse.

E chissà in quanti (come me, lo ammetto!) hanno avuto modo di condividere sui social network le immagini di questa esperienza, dove il pubblico è diventato parte integrante della performance della band. Vivere il momento o documentare in tempo reale ciò che accade? E’ il dilemma della nostra generazione, ahimè. Ma cosa ci spinge a pubblicare la nostra vita ancor prima di viverla? Facebook, Twitter, Instagram e Foursquare ci aiutano a mostrarci e diventare i protagonisti ufficiali.
Abbiamo chiesto, quindi, al pubblico se gli è capitato durante la serata di twittare, instagrammare o condividere foto e commenti sui social network. Nel video, le vostre risposte.


Video realizzato da Lorenzo Fodarella

Stasera, invece, ci aspettano Brandt Brauer Frick Ensamble, per un’altra serata perfetta!

POTREBBERO INTERESSARTI