Bauhaus: Art as Life @ Barbican

Il passato spesso può insegnarci ciò che è stato dimenticato. Esiste un movimento che negli anni Venti del Novecento ha fatto scuola, il Bauhaus. Nel 1919, Walter Gropius fonda l’Istituto […]

Il passato spesso può insegnarci ciò che è stato dimenticato. Esiste un movimento che negli anni Venti del Novecento ha fatto scuola, il Bauhaus. Nel 1919, Walter Gropius fonda l’Istituto di architettura, arte e design a Dessau, esperienza che fino al 1925 cercherà di importare in Germania i principi del movimento nato in Inghilterra Arts and Crafts. L’obiettivo era riportare in vita un’arte del popolo e per il popolo, capace di fondere bellezza ed utilità, applicata alle nuove tecnologie industriali. I grandi nomi dell’arte tedesca di quegli anni comparteciparono allo sviluppo del Bauhaus, destinato a divenire una delle scuole più influenti del Novecento.

La Barbican Gallery di Londra espone fino al 12 agosto la più grande mostra degli ultimi 40 anni sul progetto gropiusano. “Bauhaus: Art as Life” rappresenta perfettamente lo spirito originario del movimento, il quale si esprimeva negli oggetti, nelle architetture e nella vita. Un’idea di progresso del e per l’uomo che abbracciava la quotidianità attraverso il gioco. Qui, burattini, costumi teatrali, sedie, caraffe, tappeti e stoffe, abiti, collages e progetti architettonici derivano da un unico utopico proposito: il cambiamento della società attraverso le arti. Arriverà la Seconda Guerra Mondiale a spazzare via questo sogno ma quel che ne è rimasto ha saputo influire sull’evoluzione del design successivo.

Federica Sfregola

Da piccola sognava di diventare un'archeologa, ma molto presto ha capito che il "vecchio" non faceva per lei. L'arte, invece, le è rimasta tra le vene. Appassionata di creatività, trascorre troppo tempo a navigare nel web cercando novità (artistiche, musicali, cinematografiche, modaiole) ascoltando SOLO musica indipendente. Le piace il decollo degli aerei, la luce che filtra tra i rami degli alberi e gli Arcade Fire. Non le piace chi la chiama "cara", il disordine e la parola "ormai".

Potrebbero Interessarti

La collezione 2017 di Dedar

Non manca neanche per la collezione 2017 l’esplorazione di Dedar negli ambiti di espressione grafica e arte tessile, e dei loro punti d’unione e forza espressiva nelle realizzazioni su telai […]

Innovations for customer service at next edition of MAPIC Cannes

Technology innovation is now an integral part of the evolution of retail real estate. It is helping enhance customer service and boost the attraction of shopping venues. It will be […]

La LEGO House di Bjorke Ingels è fatta come i lego

Ha aperto in Danimarca – precisamente a Billund – la LEGO House, un nuovo spazio dedicato al mattoncino più famoso del mondo. Ciò che rende ancora più speciale questo luogo, […]

Ultimi Articoli

ARTS

Citazioni pratiche – Fornasetti a Palazzo Altemps

In scena le incursioni artistiche di Piero e Barnaba Fornasetti tra i cortili e le sale del Museo di Palazzo Altemps

ADVERTISING

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

BAGS

Eastpak presenta i nuovi prodotti per il prossimo Autunno

Novità e collaborazioni presentate al Pitti Uomo 18.

Top