Programmare l’arte. Olivetti e le Neoavanguardie cinetiche

L’ultima volta il curatore era stato Sua Maestà Bruno Munari, autentica leggenda del design italiano. Era il 1962 ed i negozi Olivetti di Milano e Venezia ospitarono la mostra sull’arte […]

L’ultima volta il curatore era stato Sua Maestà Bruno Munari, autentica leggenda del design italiano. Era il 1962 ed i negozi Olivetti di Milano e Venezia ospitarono la mostra sull’arte cinetica, un’avanguardia che ai tempi si stava sviluppando con grande vigore proprio in Italia. Una mostra così importante che aveva ricevuto la “benedizione” di Umberto Eco.
Programmare l’arte torna sulla strada tracciata da Munari e ripropone al pubblico le opere di Munari, Enzo Mari, Getullio Alviani, Gruppo N (Biasi, Chiggio, Costa) e Gruppo T (Anceschi, Boriani, Colombo, De Vecchi, Varisco), correlate da materiale d’archivio, fotografie, testi, manifesti e due filmati inediti.

L’arte cinetica e programmata non è solo un importante passaggio dell’arte contemporanea italiana e mondiale, ma è anche l’humus sul quale si sono sviluppate alcune delle tendenze del recente passato e del presente nei campi del design, della grafica e dell’architettura.

Il concetto dietro l’arte programmata era quello di provocare nello spettatore effetti cinetici inaspettati, mediante la creazione di un processo, sì programmato, ma che generasse risultati imprevedibili, attraverso meccanismi tecnologici o fisiologici. Ma da dove nasce il legame con Olivetti? Proprio dalla necessità, da parte degli artisti, di utilizzare strumenti tecnologici che l’azienda di Ivrea, in quei anni, progettava e produceva, nell’epoca d’oro dell’industria italiana. Un utopistico trait d’union fra arte ed industria che ha “rischiato” di generare una nuova idea di arte, finalmente fruibile da un pubblico pop. L’avventura durò altri tre anni, e fece il giro del mondo, con esposizioni fra Italia, Europa e Stati Uniti.


L’esposizione, curata da Marco Meneguzzo, Enrico Morteo e Alberto Saibene, sarà aperta, presso gli Archivi del Museo del 900 di Milano (Palazzo dell’Arengario, metro: Duomo), dal 9 novembre 2012 al 3 marzo 2013.

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica.

I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

Soulmates: Sven Marquardt in mostra a Milano

Dal 15 giugno al 21 luglio 2018 il buttafuori più famoso del mondo porta in mostra la sua arte, la fotografia, al Tempio del Futuro Perduto a Milano.

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

DUST ROAD RENEGADES: il nuovo corto di FREITAG

Realizzato dal filippino Ivan Despi e dal suo team Acid House. Persino suo figlio di cinque anni, Grey, ha partecipato disegnando i personaggi protagonisti!

Ultimi Articoli

FASHION

YATAY, la nuova sneaker sostenibile

Si chiama YATAY ed è una nuova sneaker attenta all’etica: realizzata artigianalmente in Italia con materiali ecologici di alta qualità, YATAY è una sneaker unisex che si rivolge al mercato del luxury con due silhouette: low and high.

FASHION

adidas Originals presenta Samba e Continental 80

Due silhouettes che arrivano dritte dagli archivi del brand tedesco

FASHION

RETROSUPERFUTURE LIMONE

L’occhiale per quest’estate? Il brand milanese RETROSUPERFUTURE continua a sfornare nuovi design, come LIMONE, ispirato agli anni ’70 italiani.

Top