Alighiero e Boetti

Alighiero e Boetti, apparentemente due identità, ma in realtà una sola e duale. “Alighiero – affermava lo stesso Boetti – è la parte più infantile, più estrema, che domina le […]


Alighiero e Boetti, apparentemente due identità, ma in realtà una sola e duale. “Alighiero – affermava lo stesso Boetti – è la parte più infantile, più estrema, che domina le cose familiari, Alighiero è il modo in cui mi chiamano e mi nominano le persone che conosco, Boetti è astratto, appunto, perché il cognome rientra nella categoria, mentre il nome è unico, il cognome è già una categoria, una classifica. Questa è una cosa che riguarda tutti. Il nome dà certe sensazioni di familiarità, di conoscenza, di intimità. Boetti, per il solo fatto di essere un cognome, è un’astrazione, è già un concetto.



L’ordine, il disordine, il superamento dei confini, la multiculturalità sono solo alcuni dei temi che, negli ultimi trent’anni di carriera, Alighiero Boetti ha affrontato con la sua attività artistica. Problemi affrontati attraverso l’uso di diversi mezzi, dalla fotografia, al disegno puro e crudo, fino alla realizzazione di arazzi. Un esempio su tutti quelli fatti realizzare in Afghanistan, un universo con la quale Boetti si è confrontato in prima persona, avendone fatta sua residenza artistica negli anni ottanta. Importante anche il suo rapporto con la parola, che tentò di tradurre in immagini mediante la realizazione di fitte texture con una biro e la sua mano sinistra, quella meno “forte”, e di cui diceva: “Scrivere con la sinistra è disegnare. Le mie scritture sono tutte fatte con la sinistra, una mano che non sa scrivere, mostrano quindi anche una punta di sofferenza fisica, ma scrivere è un gran piacere. Ci sono parole che uccidono, parole che fanno un male tremendo, parole come sassi, parole leggerissime, parole reali come in numeri. Ma se vuoi veramente qualcosa mettilo per iscritto.

Oliviero e Boetti, maestro del Novecento, scomparso nel 1994, sarà in mostra presso lo Studio Giangaleazzo Visconti, in corso Monforte a Milano, dal 28 novembre 2012 al 22 marzo 2013

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica.

I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

DUST ROAD RENEGADES: il nuovo corto di FREITAG

FREITAG lancia un cortometraggio animato realizzato dal filippino Ivan Despi e dal suo team Acid House. Persino suo figlio di cinque anni, Grey, ha partecipato disegnando i personaggi protagonisti!

Aakash Nihalani, lo street artist delle illusioni ottiche in mostra a Milano

L’artista newyorkese torna per la seconda volta in Italia con le sue illusioni ottiche che rendono suggestivi i muri delle strade di tutto il mondo.

Ultimi Articoli

DESIGN

FRAMOUR eyewear

FRAMOUR eyewear è il brand di occhiali da sole e da vista nato da un’esigenza: trovare degli occhiali da sole eleganti che non costino un occhio della testa. L’esigenza è quella di Filippo e Riccardo, fratelli, che proprio col nome Framour vogliono comunicare il loro amore per gli occhiali da sole: frame + amour (per quel tocco d’eleganza francese).

BARCELONA

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

FASHION

Waxman Brothers SS18

Nuove fantasie per l’estate

Top