A Londra il mondo onirico di Tim Walker

Classe 1970, inglese, un curriculum artistico invidiabile: prima di frequentare l’università già vanta di aver collaborato all’archivio di Cecil Beaton presso la Condé Nast Library di Londra. Nel 94′ dopo […]

Classe 1970, inglese, un curriculum artistico invidiabile: prima di frequentare l’università già vanta di aver collaborato all’archivio di Cecil Beaton presso la Condé Nast Library di Londra.
Nel 94′ dopo la laurea alla Exeter of Art, vola a New York per diventare l’assistente del grande Richard Avedon. All’età di 25 anni è già corteggiato da riviste come Vogue, il Victoria & Albert Museum e la National Portrait Gallery di Londra includono le sue fotografie nelle loro collezioni permanenti.
Dopo 15 anni di stills fotografici, nel 2010, il primo film di Walker,‘The Explorer Lost’ è stato presentato in anteprima al Festival di Locarno in Svizzera e ha continuato a vincere come miglior cortometraggio alla Uniti Chicago Film Festival, 2011.

Ci troviamo dunque davanti ad uno dei più influenti fotografi di moda contemporanei. Per oltre un decennio ha sedotto e fatto fantasticare i lettori di Vogue,W, Harper’s Bazaar, ogni sua immagine è studiata nei minimi dettagli, richiama atmosfere fiabesche, surreali ed oniriche. Chi guarda viene letteralmente catapultato in una dimensione astratta, fantastica, dove tutto succede e tutto è concesso.

I suoi mondi bizzarri che si ispirano al passato vittoriano di gusto fortemente inglese, sono il risultato di un attentissima scelta di oggetti scenici, sfondi, costumi, effetti speciali e trucco.
Tutto è sapientemente studiato, tenuto insieme da un equilibrio molto fragile, che potrebbe rompersi da un momento all’altro.
Un immaginario dove il mondo dei sogni s’incrocia con momenti di ordinaria contemporaneità e le scene cariche di colore si alternano a atmosfere grottesche, come i lavori realizzati insieme al regista Tim Burton.

Per chi fosse nei paraggi, c’è tempo fino al 23 Gennaio per visitare a Londra la mostra ‘Story Teller’, dedicata a questo geniale fotografo, presso la Somerset House.

Ludovica Basso aka Clorophilla

Con la macchina fotografica documento la realtà, con il collage la scompongo e con il disegno la analizzo e la faccio un po' più mia.
Pagina FB: https://www.facebook.com/ClorophillaArt
Clorophillaclorophillas@gmail.com

Potrebbero Interessarti

MusicaXAdulti

MusixaXAdulti è un esperimento di post-clubbing curato dalla crew milanese Inciso. Una volta ogni due mesi, fino ad Aprile, il Tunnel Club ospiterà una vera e propria esperienza che trascende […]

Torna Fuck Normality Festival

Il bellissimo Sudestudio di Guagnano, una location immersa fra gli ulivi della campagna salentina, si prepara ad ospitare la sesta edizione di Fuck Normality Festival, l’evento dedicato alla musica e […]

NeXTones: il festival in una cava storica del Piemonte

NeXTones è sicuramente uno degli eventi più affascinanti del panorama musicale italiano, e il merito non è solo di una location meravigliosa e suggestiva, ma anche di una direzione artistica […]

Ultimi Articoli

DESIGN

Drinkinfinity, la bottiglietta d’acqua del futuro targata Pepsi

Il colosso statunitense risponde alla crisi delle bevande gassate con un superfood dedicato ai salutisti. Riuscirà a fare breccia nel nostro cuore?

ARTS

Birra Raffo e street artist: etichetta limited per la riqualificazione di Taranto

Birra Raffo si rifà il look con le nuove etichette limited edition disegnate dagli street artists Mr. Blob e Stencil Noire

ADVERTISING

DIESEL lancia il legal fake DEISEL

Mentre impazza la moda intorno ai loghi, DIESEL lancia una campagna audace destinata a far parlare di sé. Anzi, non una campagna, ma un vero e proprio brand: DEISEL.

Top