WE ArchDesign

WE ArchDesign nasce dall’idea di Giulia Bortolotti e Lucio Leone, due giovani architetti e designer che lavorano a New York. Il loro primo prodotto “Wooden Letters” combina la creazione di […]

WE ArchDesign nasce dall’idea di Giulia Bortolotti e Lucio Leone, due giovani architetti e designer che lavorano a New York. Il loro primo prodotto “Wooden Letters” combina la creazione di lettere in legno con una applicazione nella vita di tutti i giorni (libreria, abat-jour..): possono essere l’insegna di un negozio, come visto dai nostri amici di Dictionary a Milano, o descrivere un ambiente (domestico, commerciale ecc.), od essere dei portaoggetti (in cucina, in sala da pranzo, in camera da letto ecc.) o appendiabiti. Le lettere sono realizzate in provincia di Benevento (un’area con una radicata tradizione di artigiani) dove tutti i prodotti sono realizzati uno ad uno da falegnami che hanno sostenuto il progetto. Stanno muovendo i primi passi quindi… in bocca al lupo!

Potrebbero Interessarti

La Beetle collection di Gubi

La collezione del brand danese, in produzione dal 2013, in breve tempo è diventata un must tra gli architetti d’interni e gli amanti del design.

Color Flow: i mobili che cambiano colore

Arredamenti futuristici che cambiano colore in base alla posizione e al movimento di chi osserva, grazie all’uso di una tecnologia olografica

La collezione 2017 di Dedar

Non manca neanche per la collezione 2017 l’esplorazione di Dedar negli ambiti di espressione grafica e arte tessile, e dei loro punti d’unione e forza espressiva nelle realizzazioni su telai […]

Ultimi Articoli

ARTS

Citazioni pratiche – Fornasetti a Palazzo Altemps

In scena le incursioni artistiche di Piero e Barnaba Fornasetti tra i cortili e le sale del Museo di Palazzo Altemps

ADVERTISING

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

BAGS

Eastpak presenta i nuovi prodotti per il prossimo Autunno

Novità e collaborazioni presentate al Pitti Uomo 18.

Top