Quante volte ti muovi dormendo?

Vi siete mai svegliati dopo una notte di sonno dall’altra parte del letto o addosso alla vostra dolce metà?! A quanto pare muoversi mentre si sogna è un fatto del […]

Vi siete mai svegliati dopo una notte di sonno dall’altra parte del letto o addosso alla vostra dolce metà?!
A quanto pare muoversi mentre si sogna è un fatto del tutto normale, si ci gira su un fianco, ci si rigira, si sistema il cuscino, alcuni si avvinghiano al proprio compagno o al proprio orsacchiotto preferito, ma alla mattina ci si sveglia spesso ignari di tutte i movimenti notturni compiuti.
Con il progetto ‘Il sonno degli amanti’, il fotografo tedesco Paul Schneggenburger ha tentato di documentare tutte queste azioni inconsapevoli installando sopra i letti delle ‘cavie dormienti’ in questione, una macchina fotografica impostata con un tempo di esposizione molte lungo (circa 6 ore), aiutato da un’illuminazione a luce di candela.

Il risultato sono fotografie in bianco e nero quasi surreali, un groviglio di corpi caleidoscopico dal forte impatto estetico,nelle quali si possono anche intravedere i momenti in cui la persona è rimasta a lungo tempo nella stessa posizione -il soggetto risulta nitido- e gli spostamenti che creano delle sfumature poetiche.

Le immagini saranno visibili dal vivo dal 4 Febbraio a Vienna, presso la Anzenberger Gallery, dove coppie di sognatori potranno accordarsi con il fotografo, per esser fotografati durante i loro sonni, che avverranno rigorosamente nello studio dell’artista.

Ludovica Basso aka Clorophilla

Con la macchina fotografica documento la realtà, con il collage la scompongo e con il disegno la analizzo e la faccio un po' più mia.
Pagina FB: https://www.facebook.com/ClorophillaArt
Clorophillaclorophillas@gmail.com

Potrebbero Interessarti

Soulmates: Sven Marquardt in mostra a Milano

Dal 15 giugno al 21 luglio 2018 il buttafuori più famoso del mondo porta in mostra la sua arte, la fotografia, al Tempio del Futuro Perduto a Milano.

Knitted Camouflage

La serie fotografica di Joseph Ford gioca sull’effetto camaleontico dato dalle realizzazioni a maglia di Nina Dodd.

Impossible Project, mai più senza Polaroid

A che serve questo dannato mondo meccanico? A che serve una calcolatrice scrivente, quando hai davanti almeno tre device che ti possono aiutare a mettere insieme tutti i numeri di […]

Ultimi Articoli

EVENTS

Parte oggi il Maker Faire Rome – The European Edition

Dal 12 al 14 ottobre Roma è al centro del dibattito sull’innovazione

DESIGN

Tediber, il comfort si ordina online

Un materasso dal prezzo competitivo e prestazioni hi-tech, in una nuova esperienza di acquisto

ARTS

Banksy ha distrutto una delle sue opere più famose

Non che ci fosse bisogno di conferme, ma l’artista (o il collettivo?) inglese ha di nuovo stupito il mondo. Come? Distruggendo una delle sue opere iconiche, non appena era stata battuta all’asta da Sotheby’s.

Top