Le Cannibale Ritual Party meets RUN BVS’ Simulacra – GiveAway

Come qualcuno saprà, il Carnevale a Milano è un po’ speciale, perché si festeggia il sabato dopo il Martedì Grasso. Per l’occasione, i mangiacarne di Le Cannibale offriranno la loro […]

Come qualcuno saprà, il Carnevale a Milano è un po’ speciale, perché si festeggia il sabato dopo il Martedì Grasso. Per l’occasione, i mangiacarne di Le Cannibale offriranno la loro personale interpretazione del carnevale meneghino. Sciamani, stregonerie, tarocchi, danze tribali: questi sono gli ingredienti del Ritual Party di venerdì 15, che vedrà la partecipazione di un collettivo più o meno noto nella scena milanese, e che risponde al nome di RUN BVS. È proprio con loro che abbiamo fatto due chiacchiere, per sapere un po’ di più di questo rito e della loro storia.

E siccome non ci vogliamo far mancare nulla, vi regaliamo anche due ingressi per la serata.
Per vincerli, vi basta condividere questo articolo con privacy Pubblica ed inviare una mail col vostro nome su Facebook ed oggetto “Le Cannibale” all’indirizzo contest@polkadot.it.

Innanzitutto, cos’è RUN BVS, da chi è composto e come è nato?
RUN BVS è un collettivo di studenti di design che, nel 2011, hanno deciso di collaborare per contribuire a cambiare Milano. Tramite un approccio aperto, RUN BVS si pone come obiettivo quello di comunicare con il fruitore, cercando di condurlo ad immaginare realtà diverse.
Siamo un “core team” di sette persone, affiancate da un gruppo molto più ampio di collaboratori su tutti i piani (creativo, promozionale, organizzativo).
In passato, abbiamo collaborato con alcune figure chiave di varie scene musicali milanesi, creando installazioni che miravano a regalare ai fruitori un’esperienza fuori dal comune, che potesse ispirare ed incuriosire. Con lo stesso approccio, ci siamo occupati di identità visiva e movie design.

Sicuramente vorrete regalare un’esperienza fuori dal comune anche questo venerdì. Cosa avete in serbo per i cannibali milanesi?
Simulacra è un progetto che nasce dalla volontà di portare nell’ambiente del club un’esperienza e un racconto che non spesso vengono associati al mondo della vita notturna. Seguendo la visione data dalla mission del nostro collettivo, abbiamo immaginato il Tunnel come un tempio, un luogo di ritrovo quasi religioso, ed abbiamo deciso di rappresentare un rito, ispirato al Zeitgeist contemporaneo: una cerimonia che richiamasse principalmente le tematiche dell’apocalisse e delle altre culture.
L’idea si è tradotta nella creazione di un’installazione videoproiettata che rappresentasse due personaggi durante l’esecuzione di un rito/ciclo che, tramite uno stile minimale e di forte impatto, rimandasse ad un incrocio tra la vita quotidiana e un’immaginaria vita tribale e post-apocalittica.


Perché Simulacra?
Simulacra è una parola latina che significa “somiglianza”. I nostri personaggi, per similitudine, ripetono azioni che si ispirano alla vita quotidiana ripresa in un immaginario rito mistico. Essi sono quindi l’espressione del nostro linguaggio, l’immagine della nostra comunicazione.

È più di un anno che ormai Le Cannibale porta a Milano alcune delle più importanti firme della musica elettronica. Ci vengono in mente A-Trak, Tiga, Dj Hell, The Hacker, Gesaffelstein, Surkin. Questa volta porterà il francese Canblaster, ma è da meno tempo che vengono coinvolte realtà dell’arte e del design. Come vi siete approcciati con loro e con i due attori?
La collaborazione con Le Cannibale è nata quando, parlando con Albert Hofer e Marco Greco, abbiamo scoperto di avere una certa affinità, sia in senso estetico che di principi. Abbiamo deciso di lavorare assieme e il modo più naturale di farlo è stato sviluppare un’installazione.
La collaborazione ha funzionato molto bene, è stato rinfrescante lavorare con persone che seguissero ogni passo del progetto, aiutandoci a migliorarlo.
Gli attori (Ivan Senin e Rosanna Sparapano) sono stati incredibilmente professionali. È stato veramente piacevole lavorare con loro.

A questo punto non vediamo l’ora di vedere questi ancora giovanissimi designer all’opera. Venerdì 15 febbraio al Tunnel, in via Sammartini a Milano.

Canblaster (Club Cheval) w/ Broke One + Uabos
RUN BVS’ installation SIMULACRA + intereazioni e rituali a cura di Makaraka Bori & Sailor

ingresso entro le 01:00 – 13 euro, altrimenti 15
info e liste: info@lecannibale.com – 3498941305
Evento su FB

[soundcloud url=”http://api.soundcloud.com/users/200380″ params=”” width=” 100%” height=”450″ iframe=”true” /]

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica. I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

La Beetle collection di Gubi

La collezione del brand danese, in produzione dal 2013, in breve tempo è diventata un must tra gli architetti d’interni e gli amanti del design.

Color Flow: i mobili che cambiano colore

Arredamenti futuristici che cambiano colore in base alla posizione e al movimento di chi osserva, grazie all’uso di una tecnologia olografica

La collezione 2017 di Dedar

Non manca neanche per la collezione 2017 l’esplorazione di Dedar negli ambiti di espressione grafica e arte tessile, e dei loro punti d’unione e forza espressiva nelle realizzazioni su telai […]

Ultimi Articoli

ARTS

Citazioni pratiche – Fornasetti a Palazzo Altemps

In scena le incursioni artistiche di Piero e Barnaba Fornasetti tra i cortili e le sale del Museo di Palazzo Altemps

ADVERTISING

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

BAGS

Eastpak presenta i nuovi prodotti per il prossimo Autunno

Novità e collaborazioni presentate al Pitti Uomo 18.

Top