4 domande ad Adriano Meneghetti.

Credit:  Kenjiro Torii

Credit: Kenjiro Torii

Adriano Meneghetti è entrato da poco nella scena, e promette molto bene, meritando un plauso per la ricerca, innovazione e la valorizzazione dell’alta qualità. Ho deciso di fare quattro domande per saperne di più.

1- Cosa intendi per: Going back to a simpler life is not a step backward.

“Going back to a simpler life based on living by sufficiency rather than excess is not a step backward. Rather, returning to a simpler way allows us to regain our dignity, puts us in touch with the land, and makes us value human contact again.”

E’ una citazione dello scalatore ed ambientalista Yvon Chouinard. Una filosofia di vita in cui ci identifichiamo appieno e che ho voluto diventasse il mio manifesto.
Abbiamo passato anni in cui eccesso e consumismo erano tutto. Uno status che ha drogato molti e rovinato tanto. L’esatto opposto della nostra filosofia: facciamo prodotti destinati a durare in cui la ricerca di qualità, funzionalità ed alta manifattura italiana rappresentano il 100% del nostro sforzo creativo. Una delle nostre parole chiave è “Timeless”.
Come racconto sul mio sito, sono una persona sentimentale che si affeziona alle cose, mi piacciono gli oggetti vissuti che conservano ricordi ed esperienze e crescono o invecchiano con noi. In questo, la pelle e i cuoi sono partner ideali con cui lavorare perchè più invecchiano e più acquistano fascino e bellezza.
Il mio sogno sarebbe che un nostro cliente di oggi, potesse indossare una nostra cintura tra vent’anni felice di aver vissuto con lei un pezzo della sua vita.

2- Cosa pensi della moda contemporanea?

Ho un rapporto particolare con la moda, l’amo, la rispetto e la seguo ovviamente, ma non mi reputo un fashion addicted.
Il “concetto moda” che si è generato negli anni va un po’ contro quello che ho appena spiegato. L’unica nota positiva della terribile crisi finanziaria che ci sta colpendo è che alcuni valori dimenticati o assopiti come qualità, artigianalità e tradizione stanno diventando imprescindibili. Negli anni ottanta, novanta o nei primi del duemila, in pochi ne parlavano così intensamente…
La riduzione del potere d’acquisto ha reso le persone più esigenti. Oggi se compri un capo o un accessorio vuoi che sia fatto bene.

Adriano Meneghetti linen belt

3- La nuova collezione fra artigianalità innovazione colore e tradizione, spiegaci la Rugged S/S 2013.

La collezione Rugged è un mix di innovazione e tradizione. E’ la collezione che ogni stagione rinnoviamo con modelli nuovi, affiancati ai continuativi. Ogni cintura è lavorata a mano e le fibbie sono tutte in argento ed ottone inglese.
Oltre ai consueti cuoi lavorati, c’è un intreccio con il lino, che è piaciuto molto e altri intrecci di fili elastici colorati, alcantara e cuoio.
Il colore è presente soprattutto in un gruppo di cinture ispirate al mondo della cravatteria in maglia con disegni regimental o a losanghe dove si percepiscono i punti tipici della maglia.

Adriano Meneghetti tie belt

4- Quali sono i dettagli da notare in una cintura?

Sicuramente le lavorazioni e gli intrecci, per cui ho una passione particolare. Quando guardate una nostra cintura, pensate che è fatta a mano ed è il risultato di ore ed ore di lavoro certosino, questo vi aiuterà a comprendere di più il prodotto.

non potete aspettare? qui l’estore ufficiale

Adriano Meneghetti woven belt detail

Adriano Meneghetti woven belt detail



Marco Veroli

Feed the soul starve the ego.