A lezione di piano con Chilly Gonzales

Chilly-Gonzales-659x396

Si è autodefinito “musical genius”; ha collaborato con Feist, Boys Noize, Peaches e Daft Punk; nel 2009, ha battuto il record con il suo concerto al Ciné 13 Théâtre di Parigi, durato 27 ore, 3 minuti and 44 secondi. Jason Beck, aka Chilly Gonzales, un genio lo è. Chilly è un pianista moderno, aperto a qualsiasi genere, a qualsiasi ispirazione. Chilly ruba e ri-arrangia. È pianista, produttore, song-writer. Rideclina i suoi studi classici in sonorità contemporanee, strizzando l’occhio al pop, al rap, all’elettronica e al blues e, in questo, non appare mai banale.

Grazie all’ospitalità di Eat Your Own Ears, la scorsa settimana abbiamo avuto modo di assistere al suo live presso il Cadogan Hall di Londra. Dopo i primi 5 minuti di lotta con la nostra vicina di poltrona (non gradiva i nostri scatti), abbiamo deciso di deporre le armi e limitarci all’ascolto. Dopotutto, è ciò che Gonzales merita.

I suoi concerti sono lezioni. Lezioni d’ascolto. Qui, si scopre che l’arpeggio è la tecnica con cui si trasformano le note in musica e che il piano può suonare un’infinità di melodie, anche il più elettronico Sebastian Tellier! Chilly ne mostra i segreti e la magia attraverso citazioni pop e un monumentale piano vision dove le mani del pianista sono protagoniste. Gonzales ti guida alla scoperta della sua passione, iniziata quando aveva solo 3 anni, e lo fa con ironia. Sul suo palco, una giovane cubana e una più anziana coppia di sposi sono pescati dal pubblico per seguire le istruzioni del pianista che, accogliendoli in vestaglia e pantofole, dimostra loro e a chi li guarda che tutti possono creare melodie ma solo il ‘genio’ può, al di là di virtuosismi, emozionare, intrattenere e divertire. Quel genio suona da solo. Quel genio è Chilly Gonzales.

POTREBBERO INTERESSARTI
One Response
  1. Cara Federica, la tua recenzione coglie perfettamente l’idea e le sensazioni che ho provato nell’ascolto di Chilly Gonzales. Io l’ho ascoltato il 6 Maggio al Cirque Royal di Bruxelles. Una magnifica lezione di musica come dici te! Lui sembrava anche molto contento di poter riproporre in Belgio il bilinguismo del Quebec con rapidissime virate liguistiche tra inglese e francese che venivano alternate a secondo dei concetti che dovevea esprimere (secondo lui alcune cose solo una ligua latina come il francese poteva renerle!). Sul palco era con l’Orchestra di Mons e ha introdotto un ragazzino (conosciuto poco prima del concerto) grande fan che sapeva suonare al piano alcuni suoi pezzi …. è l’ha introdotto nel concerto per mezz’ora!! Poi sempre vestaglia e pantofole e siparietti con i simpatici membri dell’orchestra. L’ambiente nel teatro sembrava quello di un concerto rock, pubblico molto caldo. Mi sento quasi un privilegiato ad averlo visto dal vivo che credo sia venuto in Italia solo per una data. Divoro con avidità i suoi dischi nel mio mp3 e dovevo proprio fare l’esperienza di vederlo …. poi Bruxelles è una città interessantissima che è quasi la mia seconda patria. Comunque … non so come da google mi è sbucata questa pagina. Questo sito sembra però da esplorare meglio ;) Ciao, Alessandro