A lezione di piano con Chilly Gonzales

Si è autodefinito “musical genius”; ha collaborato con Feist, Boys Noize, Peaches e Daft Punk; nel 2009, ha battuto il record con il suo concerto al Ciné 13 Théâtre di […]

Chilly-Gonzales-659x396

Si è autodefinito “musical genius”; ha collaborato con Feist, Boys Noize, Peaches e Daft Punk; nel 2009, ha battuto il record con il suo concerto al Ciné 13 Théâtre di Parigi, durato 27 ore, 3 minuti and 44 secondi. Jason Beck, aka Chilly Gonzales, un genio lo è. Chilly è un pianista moderno, aperto a qualsiasi genere, a qualsiasi ispirazione. Chilly ruba e ri-arrangia. È pianista, produttore, song-writer. Rideclina i suoi studi classici in sonorità contemporanee, strizzando l’occhio al pop, al rap, all’elettronica e al blues e, in questo, non appare mai banale.

Grazie all’ospitalità di Eat Your Own Ears, la scorsa settimana abbiamo avuto modo di assistere al suo live presso il Cadogan Hall di Londra. Dopo i primi 5 minuti di lotta con la nostra vicina di poltrona (non gradiva i nostri scatti), abbiamo deciso di deporre le armi e limitarci all’ascolto. Dopotutto, è ciò che Gonzales merita.

I suoi concerti sono lezioni. Lezioni d’ascolto. Qui, si scopre che l’arpeggio è la tecnica con cui si trasformano le note in musica e che il piano può suonare un’infinità di melodie, anche il più elettronico Sebastian Tellier! Chilly ne mostra i segreti e la magia attraverso citazioni pop e un monumentale piano vision dove le mani del pianista sono protagoniste. Gonzales ti guida alla scoperta della sua passione, iniziata quando aveva solo 3 anni, e lo fa con ironia. Sul suo palco, una giovane cubana e una più anziana coppia di sposi sono pescati dal pubblico per seguire le istruzioni del pianista che, accogliendoli in vestaglia e pantofole, dimostra loro e a chi li guarda che tutti possono creare melodie ma solo il ‘genio’ può, al di là di virtuosismi, emozionare, intrattenere e divertire. Quel genio suona da solo. Quel genio è Chilly Gonzales.

Federica Sfregola

Da piccola sognava di diventare un'archeologa, ma molto presto ha capito che il "vecchio" non faceva per lei. L'arte, invece, le è rimasta tra le vene. Appassionata di creatività, trascorre troppo tempo a navigare nel web cercando novità (artistiche, musicali, cinematografiche, modaiole) ascoltando SOLO musica indipendente. Le piace il decollo degli aerei, la luce che filtra tra i rami degli alberi e gli Arcade Fire. Non le piace chi la chiama "cara", il disordine e la parola "ormai".

Potrebbero Interessarti

Lipton Plant Architects: The Bath House

“Father: The world is full of nice, ordinary little people who live in nice, ordinary little houses on the ground. But didn’t you ever dream of a house up on […]

Foot locker #HottestMonth London Recap

Anche quest’anno siamo stati ospiti a Londra di Footlocker per un’anteprima esclusiva di quelli che saranno i nuovi stili del mondo sneakers. Febbraio sarà un mese caldo per tutti gli […]

Faustine Steinmetz Campagna PE16

Se siete davvero convinti di conoscere il denim in tutte le sue versioni, dovrete certamente ricredervi, entrando nel distorto mondo della designer parigina Faustine Steimetz. Diplomata alla Central Saint Martins […]

Ultimi Articoli

DESIGN

FRAMOUR eyewear

FRAMOUR eyewear è il brand di occhiali da sole e da vista nato da un’esigenza: trovare degli occhiali da sole eleganti che non costino un occhio della testa. L’esigenza è quella di Filippo e Riccardo, fratelli, che proprio col nome Framour vogliono comunicare il loro amore per gli occhiali da sole: frame + amour (per quel tocco d’eleganza francese).

BARCELONA

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

FASHION

Waxman Brothers SS18

Nuove fantasie per l’estate

Top