HAY – Metamorfosi di un’azienda

2013, Hay collection Per metamorfosi si intende quel cambiamento biologico e fisiologico che conduce un essere vivente dallo stato larvale a quello adulto. La storia di HAY, azienda danese di […]

HAY004

2013, Hay collection

Per metamorfosi si intende quel cambiamento biologico e fisiologico che conduce un essere vivente dallo stato larvale a quello adulto. La storia di HAY, azienda danese di design, è del tutto assimilabile a quella di un animale che cambia pelle, di un organismo che cresce e si evolve, fino a raggiungere una maturità evidente.

Fondata nel 2002 rimane per un po’ di anni nell’ombra, non molto conosciuta fuori dai propri confini se non da qualche appassionato o addetto ai lavori. Anno dopo anno guadagna credibilità e rafforza le proprie ossa, preparando il salto del 2012, quando si presenta al pubblico con una veste totalmente rinnovata ed incredibilmente bella. Un nuovo sito, una nuova immagine coordinata, nuovi styling per il catalogo, uniformizzazione dei materiali, delle finiture, dei colori e dei tessuti di tutte le collezioni, sono cambiamenti apportati dagli art director Clara von Zweigbergk e Shane Schneck, che danno un’accelerata all’azienda che ancora oggi non accenna a fermarsi, trasformando quel bruco insicuro in una meravigliosa farfalla.

Hay produce dal quaderno per gli appunti alla sedia, dal canovaccio da cucina al copripiumino, riuscendo a dare continuità estetica a tutta la collezione con una sensibilità che in pochi hanno,
creando oggetti che non urlano la propria presenza ma dotati di una personalità spiccata. Fiore all’occhiello del catalogo è la collezione tessile, quasi interamente disegnata dal duo olandese Sholten & Baijings che nonostante ciò non ruba la scena al resto dei prodotti.
La realizzazione dell’ultima collezione di sedute e tavoli dei fratelli Bouroullec consacra l’evoluzione dell’azienda ascrivendola definitivamente all’elenco delle grandi. Tanti occhi ora sono puntati sul marchio danese, che alla prossima design week londinese presenterà una collezione disegnata da Sebastian Wrong.

C’è da sperare che HAY continui ad evolversi e che la vanità non la porti a chiudersi in se stessa, le realtà come questa fanno bene al design, fanno bene a tutti, riempiono il mondo di bellezza, di quella delicatezza profonda che non si ferma alla superficie.

HAY006

2012, Office collection

HAY005

2013, Kitchen collection

HAY002

2012, Bed linen collection, designed by Sholten & Baijings

HAY003

2013, Copenhague collection, designed by Ronan & Erwan Bouroullec

Potrebbero Interessarti

The Furla Society SS2018

Personaggi unici che interpretano l’ultima collezione in modo divertente e dinamico

DIESEL lancia il legal fake DEISEL

Mentre impazza la moda intorno ai loghi, DIESEL lancia una campagna audace destinata a far parlare di sé. Anzi, non una campagna, ma un vero e proprio brand: DEISEL.

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

Ultimi Articoli

FASHION

Vans x Van Gogh Museum

Una collaborazione esclusiva tra Vans e il Van Gogh Museum di Amsterdam

FASHION

PUMA RS-0 SOUND

Dal 16 agosto la nuova sneaker ispirata alle music vibes anni ’80

DESIGN

La nuova scuola italiana: BURRO STUDIO

Federica Caserio e Giovanni Manzini sono l’anima creativa di BURRO STUDIO. In viaggio costante fra Milano e Verona, navigano fra branding, t-shirt ed eventi esotici.

Top