15 street artist italiani a Parigi per Il Piano/La Tour Paris

Con l’avvento del web, i confini fisici si sono dilatati fino a dissolversi. In un contesto simile, l’arte – fatta di colori e forme – si è adeguata riformulando i […]

Con l’avvento del web, i confini fisici si sono dilatati fino a dissolversi. In un contesto simile, l’arte – fatta di colori e forme – si è adeguata riformulando i propri stilemi e interrogandosi sul concetto stesso di arte nell’era del 3.0. Ma cosa rimane nel mondo fisico e limitato in cui ci relazioniamo ogni giorno? Come si propone al pubblico l’arte visiva e tangibile? Accanto a spazi eletti a tempi dell’arte (vedi i musei e le gallerie private), la città sembra essere diventata una enorme tela su cui gli artisti si esprimono, in un rapporto più diretto con il proprio pubblico e con il contesto.

Diversi esempi, allora, sono spuntati negli ultimi anni nei grandi e piccoli centri. Qui strade e palazzi hanno fatto da sfondo alla street art inaugurando una lunga – e ancora in atto – stagione di mostre all’aperto. Tra i nostri progetti preferiti, vi abbiamo più di una volta parlato del FAME Festival di Grottaglie, ma stavolta ci interessa segnalarvi un progetto italo-parigino che porta alcuni dei più importanti street artist italiani a Parigi. Il Piano/La Tour Paris 13 è nato come frutto della collaborazione tra la Galerie Itinerrance e Le Grand Jeu, impegnati in una mostra temporanea (durerà solo un mese) che occupa i nove piani della torre situata nella Mairie del 13° arrondissement e al termine della quale i lavori verranno demoliti per far spazio al progetto di modernizzazione del parco immobiliare comunale.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Da oggi 1 ottobre, l’edificio di nove piani (4500 mq) ospiterà 100 street artist internazionali chiamati a dare un’ultima identità a quel luogo destinato all’abbattimento. Ad ogni artista è stata assegnata una stanza da personalizzare con bombolette, pennelli e poster. Un intero piano è stato occupato dai lavori di 15 artisti italiani, come MP5, Agostino Iacurci, 108, Senso e Tellas, i quali rappresentano gli ambasciatori della scena emergente della street art del nostro paese.

DSCN6372 2

Opere, quindi, che si avvalgono di un medium fisico ma destinate a vita breve e, per questo, escluse per istanza dalle logiche del mercato. Sarà questo il nuovo percorso della street art? Per il momento, chi è di passaggio a Parigi farà meglio a visitare la Tour Paris. Ha solo un mese di tempo!

Federica Sfregola

Da piccola sognava di diventare un'archeologa, ma molto presto ha capito che il "vecchio" non faceva per lei. L'arte, invece, le è rimasta tra le vene. Appassionata di creatività, trascorre troppo tempo a navigare nel web cercando novità (artistiche, musicali, cinematografiche, modaiole) ascoltando SOLO musica indipendente. Le piace il decollo degli aerei, la luce che filtra tra i rami degli alberi e gli Arcade Fire. Non le piace chi la chiama "cara", il disordine e la parola "ormai".

Potrebbero Interessarti

Soulmates: Sven Marquardt in mostra a Milano

Dal 15 giugno al 21 luglio 2018 il buttafuori più famoso del mondo porta in mostra la sua arte, la fotografia, al Tempio del Futuro Perduto a Milano.

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

DUST ROAD RENEGADES: il nuovo corto di FREITAG

Realizzato dal filippino Ivan Despi e dal suo team Acid House. Persino suo figlio di cinque anni, Grey, ha partecipato disegnando i personaggi protagonisti!

Ultimi Articoli

DESIGN

Cacti Planters, i vasi per cactus ispirati a Frida Kahlo

Progettati da Anki Gneib per il brand svedese Nola, i Cacti Planters sono dei vasi per cactus che richiamano le forme e le proporzioni delle belle e pungenti piante tropicali.

FASHION

adidas Originals Futurepacer

Ispirate alle adidas Micropacer del 1984, le nuove adidas Originals Futurepacer spalancano le porte del futuro, grazie ad un design all’avanguardia che unisce mesh elasticizzato e strati di pelle di canguro.

EVENTS

PostKino, il cinema che gira la Puglia

Il cinema è capace di far viaggiare la nostra immaginazione, ma se fosse il cinema a viaggiare e a farci vivere delle esperienze uniche attraverso la scoperta di luoghi e cibi nuovi?

Top