Who are the Uchronians?

“Benvenuto nel futuro. È nata l’economia creativa”. Avveniristici e ambiziosi, gli Uchronians. Chi? Gli abitanti di Uchronia, un mondo alternativo e virtuale senza spazio e senza tempo. O meglio un collettivo […]

“Benvenuto nel futuro. È nata l’economia creativa”. Avveniristici e ambiziosi, gli Uchronians.

Chi? Gli abitanti di Uchronia, un mondo alternativo e virtuale senza spazio e senza tempo. O meglio un collettivo artistico visionario che è anche una community web, il cui tempo e spazio sono a dire il vero piuttosto definiti, una Bruxelles più che mai attuale.

Volutamente nebulosa risulta, invece, l’identità degli Uchronians e tutte le altre coordinate geo-storiche: dove si trovano, che fanno, da dove vengono, dove andranno.

L’ultimo grande progetto di Uchronia, messianica “macchina del tempo che crea nuovi percorsi temporali ai quali unirsi e su cui camminare tutti insieme”, risale all’anno scorso ed è stato presentato alla Symbolic Art Gallery di Londra in occasione della celebrazione dei 50 anni di carriera dei Rolling Stones. Si è trattato di “The Tongue”, la famosa lingua-cover del primo album della band, realizzata dall’artista internazionale Geronimo aka Jumping Bill con 3000 lattine di Coca-Cola dapprima bevute dai dipendenti di Jaga, azienda belga di radiatori (il cui illuminato CEO è l’art director nonché fondatore di Uchronia, Jan Kriekels).

uchronia

Del 2009 è stata la conferenza “COP 15. United Nations Climate Change” nell’ambito del Congresso sul Cambiamento Climatico di Copenhagen, chiamata mondiale a riflettere e discutere sulle proprie idee in merito al riscaldamento globale, e del 2006 la costruzione del Burning Man da cui prende il nome l’ormai famoso e folle festival statunitense.

Non solo arte, quindi, ma eco sostenibilità, nuove tecnologie ed esperienze stupefacenti, ovvero i quattro punti nei quali si articola il manifesto degli Uchronians, a questo punto non più solo artisti ma nuova tipologia umana. O sei un Uchronian o non lo sei.

Pretenzioso, forse, ma molto, troppo, affascinante.

Marta Milasi

Brillante, creativa, ironica (dicono). Amo scrivere racconti e sceneggiature e poi recitarle. Ho studiato per diventare un'attrice teatrale, ma preferisco il cinema. Mi piacciono le fisarmoniche, le città di mare, il giallo, disegnare col carboncino e vedere poesia dove non c'è.

Potrebbero Interessarti

Birra Raffo e street artist: etichetta limited per la riqualificazione di Taranto

Birra Raffo si rifà il look con le nuove etichette limited edition disegnate dagli street artists Mr. Blob e Stencil Noire

DIESEL lancia il legal fake DEISEL

Mentre impazza la moda intorno ai loghi, DIESEL lancia una campagna audace destinata a far parlare di sé. Anzi, non una campagna, ma un vero e proprio brand: DEISEL.

I piatti decorati di DAMELIA

Il mondo fantastico di DAMELIA, fra illustrazioni contemporanee e piatti recuperati dalla credenza della nonna.

Ultimi Articoli

DESIGN

Drinkinfinity, la bottiglietta d’acqua del futuro targata Pepsi

Il colosso statunitense risponde alla crisi delle bevande gassate con un superfood dedicato ai salutisti. Riuscirà a fare breccia nel nostro cuore?

FLASH

Le ultime tendenze nel mondo dell’arredamento: è sempre più diffuso l’acquisto online

Anche il settore dell’arredamento procede a gonfie vele con le vendite online.

MUSIC

THE PINK FLOYD EXHIBITION: THEIR MORTAL REMAINS

Dopo l’enorme successo al Victoria and Albert Museum di Londra, la prima tappa internazionale a Roma della mostra già visitata da più di 400.000 persone

Top