Per il prossimo appello, fatti due risate con quelli di… CEPU

maxresdefault

Si sa, la vita di uno studente è spesso piacevolmente travagliata. Tra monolocali troppo affollati e coinquilini festaioli e sfrenati nella voglia di condividere ogni emozione e ogni idea, essere uno studenti non è affatto semplice.

Del resto, vivere ironicamente e con naturalezza le delusioni di un esame non superato o gli ansiogeni appelli ravvicinati è possibile, se si ha a fianco un confidente/coinquilino, soprattutto se il tipo è simpatico e fuori di testa. Ne è la prova la nuova sitcom in 12 episodi – visibili su YouTube con cadenza settimanale – intitolata simpaticamente “Quelli che il prossimo appello…”. 
Il soggetto di questa originale serie è la piacevole e genuina convivenza tra due studenti, Gianluca e Francesco. Dei “fuori corso”cronici che tra ansie, esami, feste, lavoro e disavventure si aiutano nell’affrontare il burrascoso percorso universitario.

Negli episodi della serie è possibile ridere con i due scanzonati ragazzi alle prese con la scelta di Francesco che, dopo una bocciatura, decide di iscriversi a Cepu. Gianluca, da studente lavoratore e goliardico, inventa soluzioni inimmaginabili per aiutare il suo amico in questa inaspettata impresa.

Screenshot 2013-11-19 23.31.33

“Quelli che il prossimo appello…”, infatti, affronta con ironia tra gag continue e a tratti surreali la vita di due studenti universitari, canzonando le convenzioni del mondo studentesco e allo stesso tempo gli stereotipi collegati a Cepu. Il trailer e i primi video messi online nelle scorse settimane, sono stati visti da centinaia di migliaia di persone, ciò sottolinea il carattere vincente di questa originale iniziativa.
Tramite questa sitcom prodotta da Cepu, la stessa azienda mostra di avere autoironia e di avere a cuore gli interessi degli studenti in difficoltà.

Non resta che augurare buon visione a chi, collegandosi su YouTube al canale ufficiale, vuole farsi due risate con Cepu e con “Quelli che il prossimo appello…”.

POTREBBERO INTERESSARTI
3 Responses