Iger of the week: OHFAJAR

Questa settimana il nostro “Iger of the week” è un vero e proprio genio. O almeno io lo considero così e spero vivamente di convincervi di ciò (in teoria basterebbe […]

Questa settimana il nostro “Iger of the week” è un vero e proprio genio. O almeno io lo considero così e spero vivamente di convincervi di ciò (in teoria basterebbe solo guardare le sue immagini per rendersene conto).

Fajar Puji Domingo, alias @ohfajar, arriva da Giacarta con tutta la sua passione per i mash-up digitali.

Composizioni surreali fatte veramente bene (scusate la semplicità espressiva , ma rendeva l’idea).

La genialità sta proprio nel saper creare un puzzle riuscendo ad incastrare tra loro tasselli privi di alcuna correlazione l’uno dall’altro. Come se si volesse completare il puzzle del Taj Mahal attingendo un pò da quello de “La persistenza della memoria” di Dalì un po’ da quello de “Composizione con grande piano rosso” di Mondrian.  @ohfajar fa ciò con molta naturalezza.

Una su tutte ha colpito la mia vista: una sorta di meteorite con sopra una bambina rabbuiata e, ormai, rassegnata nel dover trascinare il suo carrellino colmo di papaveri. Un cammino infinito che non porterà a nulla. Solo fatica sprecata senza alcun riparo per entrambi: i fiori e la bambina.  Una sorta di versione dark del piccolo principe (o forse ancora più dark del piccolo principe).

Però quest’immagine non descrive il tutto. Il resto delle opere ha un ché di estraniante e distorcente. Probabilmente tutto ciò scaturisce  dall’accostamento di oggetti e scenari differenti l’uno dall’altro.

Emblema di quanto detto è l’immagine raffigurante il corpo di un bambino disteso sul fianco e ricoperto per metà da un ardente deserto. Il bambino, con molta naturalezza, presenta delle corna da alce e un occhio coperto da un punto rosso sgargiante che difficilmente passa inosservato.

Io, in @ohfajar, vedo della genialità. O forse della pazzia. O,ancora, un’apparente semplicità che maschera chissà quale istintivo meccanismo complicato.

Guardate le immagini e di sicuro qualcosa in mente vi verrà (sperando che non si tratti di corna però). 

sipario

Carlo Giardina

23 anni, batterista siracusano, appassionato di musica, fotografia e street art. A Milano, mia città d’adozione, studio Scienze della Comunicazione all’Università Cattolica. Sul mio stream di Instagram (@finnanofenno) creo immagini coniugando fotografia e disegno a mano libera.

Potrebbero Interessarti

Soulmates: Sven Marquardt in mostra a Milano

Dal 15 giugno al 21 luglio 2018 il buttafuori più famoso del mondo porta in mostra la sua arte, la fotografia, al Tempio del Futuro Perduto a Milano.

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

DUST ROAD RENEGADES: il nuovo corto di FREITAG

Realizzato dal filippino Ivan Despi e dal suo team Acid House. Persino suo figlio di cinque anni, Grey, ha partecipato disegnando i personaggi protagonisti!

Ultimi Articoli

EVENTS

SPARKS, un festival “spaziale” in Puglia

Il festival pugliese compie 5 anni e si appresta a celebrare la creatività in tutte le sue forme dal 20 al 22 luglio a Putignano, a pochi chilometri da Bari.

DESIGN

Cacti Planters, i vasi per cactus ispirati a Frida Kahlo

Progettati da Anki Gneib per il brand svedese Nola, i Cacti Planters sono dei vasi per cactus che richiamano le forme e le proporzioni delle belle e pungenti piante tropicali.

FASHION

adidas Originals Futurepacer

Ispirate alle adidas Micropacer del 1984, le nuove adidas Originals Futurepacer spalancano le porte del futuro, grazie ad un design all’avanguardia che unisce mesh elasticizzato e strati di pelle di canguro.

Top