William Wegman firma la campagna SS2014 di Trussardi

Hanno quarant’anni i levrieri di Trussardi, ma li portano davvero bene. Quarant’anni di presenza nel marchio, una presenza silenziosa: sono poche le volte in cui, infatti, gli esemplari di questa […]

Hanno quarant’anni i levrieri di Trussardi, ma li portano davvero bene. Quarant’anni di presenza nel marchio, una presenza silenziosa: sono poche le volte in cui, infatti, gli esemplari di questa magnifica razza hanno fatto parte della comunicazione del marchio.

Per celebrarne l’anniversario, Trussardi ha deciso di legare la nuova collezione Spring Summer 2014 al levriero, attraverso la macchina fotografica di William Wegman, statunitense noto per aver dedicato grande spazio ai proprio cani, dei bracchi di Weimar.

E così i levrieri sono diventati indossatori d’eccezione: trendy, colorati, ironici.

TR-ASS14-adv double website-HR
TR-ASS14-adv double website-HR2
TR-ASS14-adv double website-HR3

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica.

I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

The Furla Society SS2018

Personaggi unici che interpretano l’ultima collezione in modo divertente e dinamico

DIESEL lancia il legal fake DEISEL

Mentre impazza la moda intorno ai loghi, DIESEL lancia una campagna audace destinata a far parlare di sé. Anzi, non una campagna, ma un vero e proprio brand: DEISEL.

Ikea ha fatto l’ennesima pubblicità geniale

Grazie non solo alla suo effetto sorpresa, ma alla carica emozionale che porta con sé

Ultimi Articoli

EVENTS

Parte oggi il Maker Faire Rome – The European Edition

Dal 12 al 14 ottobre Roma è al centro del dibattito sull’innovazione

DESIGN

Tediber, il comfort si ordina online

Un materasso dal prezzo competitivo e prestazioni hi-tech, in una nuova esperienza di acquisto

ARTS

Banksy ha distrutto una delle sue opere più famose

Non che ci fosse bisogno di conferme, ma l’artista (o il collettivo?) inglese ha di nuovo stupito il mondo. Come? Distruggendo una delle sue opere iconiche, non appena era stata battuta all’asta da Sotheby’s.

Top