Pushing The limits

Siamo stati ospiti dello Swatch Freeride World Tour 2015, Il principale evento mondiale di freeride e snowboard. Per la tappa finale di Verbier, Swatch ha pensato a qualcosa di veramente […]

sd05_fwt_xtreme_verbier_stefano_oligari_15

Siamo stati ospiti dello Swatch Freeride World Tour 2015, Il principale evento mondiale di freeride e snowboard.

Per la tappa finale di Verbier, Swatch ha pensato a qualcosa di veramente speciale, commissionando a Stefano Ogliari Badessi, uno dei suoi fiori all’occhiello dell’ Art Peace Hotel Swatch una scultura di ghiaccio davvero insolita.

Carlo Giordanetti, direttore creativo di Swatch ci ha presentato Stefano come “Un artista vero e coraggioso, sempre pronto a sperimentare”.

Noi lo abbiamo intervistato, proprio all’interno della sua installazione di ghiaccio.

sd05_15_fwt_xtreme_verbier_stefano_ogliari_03_Press

Parlaci della tecnica con la quale hai costruito la tua opera “Pushing The limits”

La tecnica non ha precedenti, esteticamente può sembrare un iglù, ma dentro è molto più sottile perchè per me il fatto che penetrasse la luce era fondamentale.
Quando ho avuto l’idea ero a Shanghai, quindi non potevo fare dei test con il ghiaccio per capire la fattibilità.
Ogni forma va fatta in un’intera notte, durante la notte spruzzo l’acqua sul pallone, poi sgonfio il pallone e copro la mia forma per evitare che il sole la sciolga.

Quali sono state le tue ispirazioni ?

Avevo visto la foto di una fotografa che aveva fatto le bolle di sapone per la figlia ad una temperatura di -30. La bolla di sapone era caduta e si era ghiacciata, il tutto in un secondo, giusto il tempo della foto. Quella è stata sicuramente una delle ispirazioni.
Poi per capire meglio come realizzarla ho studiato anche come era fatta la cupola di San Pietro e del Brunelleschi.

Come mai l’idea delle sfere comunicanti, volevi dare un carattere ludico all’istallazione?

Inizialmente non dovevano essere comunicanti, ma per rendere la sfera più solida ho dovuto abbassarla e quindi da li è nata l’idea di fare delle gallerie, creando una storia fra tutte.
Quando fai una scultura la guardi sempre da fuori, il bello delle installazioni è che puoi entrarci, il mio intento era quello di dare un effetto”WOW”, e quindi doveva ricordarti un po’ quando sei bambino, infatti per passare da una forma a l’altra devi metterti a gattoni e giocare.

sd05_15_fwt_xtreme_verbier_stefano_ogliari_02_Press

Quando hai iniziato a fare l’artista veramente?

Inizialmente facevo il visual per Aspesi, poi sono partito per Shanghai per concentrarmi sulla mia arte, li, sono stato selezionato per entrare all’Art Peace Hotel Swatch, e nel portfolio c’erano anche le mie vetrine, perchè per me anche quella è arte.

Moda e arte, quale è il tuo rapporto?

Mi piace che la moda sponsorizzi l’arte, un tempo l’arte era diversa, c’era il mecenatismo che supportava gli artisti, adesso con i galleristi è un’altra cosa.
Swatch mi ha supportato e dato carta bianca fin dall’inizio, la galleria ti dice “Devi farmi 20 pezzi” invece con loro mi sono sentito libero di creare in massima libertà.

Di solito le tue installazioni le vendi anche?

Alcune le ho create appositamente altre no. Però se fossi un collezionista comprerei il mio pallone.
L’idea è nata anche dal fatto che in questo modo non ho bisogno del mio studio, piego il pallone e vado in giro per il mondo.
Il più piccolo del miei palloni è di sei metri, lo metto in uno zaino e posso andare a fare una mostra, senza aver bisogno di spedire nulla, vado in galleria e lo gonfio.

Quali sono i tuoi programmi per il futuro?

Devo tornare in Cina per recuperare il pallone che ho usato per l’evento del terzo anniversario di Swatch, lo voglio rigonfiare.
Ho anche un nuovo progetto, ma non posso svelare di più.

sd05_fwt_xtreme_verbier_stefano_oligari_14_Press

sd05_15_fwt_xtreme_verbier_stefano_ogliari_04_Press

sd05_fwt_xtreme_verbier_stefano_oligari_17_Press

Potrebbero Interessarti

Banksy ha distrutto una delle sue opere più famose

Non che ci fosse bisogno di conferme, ma l’artista (o il collettivo?) inglese ha di nuovo stupito il mondo. Come? Distruggendo una delle sue opere iconiche, non appena era stata battuta all’asta da Sotheby’s.

ARTEPARCO

Il designer Marcantonio inaugura il progetto di arte sostenibile nei boschi del Parco Nazionale d’Abruzzo

Soulmates: Sven Marquardt in mostra a Milano

Dal 15 giugno al 21 luglio 2018 il buttafuori più famoso del mondo porta in mostra la sua arte, la fotografia, al Tempio del Futuro Perduto a Milano.

Ultimi Articoli

EVENTS

Parte oggi il Maker Faire Rome – The European Edition

Dal 12 al 14 ottobre Roma è al centro del dibattito sull’innovazione

DESIGN

Tediber, il comfort si ordina online

Un materasso dal prezzo competitivo e prestazioni hi-tech, in una nuova esperienza di acquisto

EVENTS

Timberland UNLOCK THE CITY

Timberland lancia la sue nuova sneaker Cityroam, trait d’union fra il classico boot e i dettagli più innovativi per l’outdoor, e lo fa in grande stile lanciando il progetto Unlock the City, con un grande evento a Milano.

Top