Iluut

iluut, il brand di abbigliamento sostenibile

In un momento storico in cui il tema sostenibilità è sempre più balzato agli onori delle cronache, il mondo del fashion ha reagito in maniera più o meno sincera: sono […]

In un momento storico in cui il tema sostenibilità è sempre più balzato agli onori delle cronache, il mondo del fashion ha reagito in maniera più o meno sincera: sono tante le iniziative di brand globali volte a rinforzare l’aspetto ‘green’, ma non sempre il racconto corrisponde alla realtà. Forse è questa necessità di un rapporto più sincero fra produttore e consumatore, il bisogno di rivedere i modelli e di ripensarli in una chiave che coinvolga la filiera in maniera più consapevole che Elina Cerell, 28enne di Helsinki, ha deciso di pubblicare un video su Facebook un giorno e di cercare compagne di avventura per un nuovo progetto: Iluut.
Iluut è proprio il risultato di quella ricerca che, in circa un annetto, ha portato prima Silvia Stella Osella – 30enne di Milano, textile designer con esperienza in brand come Zara e Topshop – e poi Vj Tanaghan – londinese, 25 anni, fashion designer con esperienza da Simone Rocha e Self Portrait Studio, a unirsi a questa sfida: riportare il mondo della moda ad una dimensione più umana, rispettosa dell’ambiente e motore di un cambiamento economico e sociale creando una linea di abbigliamento femminile.
Se intanto la prima sfida è essere arrivati ad una fase avanzata di start-up del brand lavorando perlopiù online, fra Pinterest, Whatsapp e Facebook, quella più difficile sta nel proporre un concetto simile al KM 0 nella moda, utilizzando tessuti come lino (per la cui produzione si consuma poca acqua) prodotto in Normandia o il tencel, innovativa fibra prodotta in Austria. Tutte le stampe vengono realizzate con macchinari digitali a basso impatto energetico e con inchiostri ad acqua. I prototipi sono realizzati in Finlandia, dove – seppur in piccolo – iluut ha ridato impulso ad un’industria tessile in decadenza.
Tutti gli scarti, invece, verranno inviati a Carpet of life, associazione che opera con donne Berbere in Marocco per produrre tappeti con la tecnica tradizionale locale utilizzando i pezzi di tessuto avanzati. Parte dei profitti sarà donata a Pencils of Promise, un’associazione che si occupa di creare nuove scuole in Paesi del Terzo Mondo.

Iluut

Se anche voi, come le tre protagoniste di questa storia, siete interessati a conoscere chi ha realizzato i vostri vestiti, supportate la campagna di crowdfunding su Indiegogo. Mancano poche migliaia di euro (e 11 giorni!) per raggiungere l’obiettivo e dare a Elina, Silvia e Vj i mezzi per provare a cambiare le cose. Non sarà facile, ma da qualche parte bisogna cominciare.

iluut_1
iluut_2
iluut_3
iluut_4
iluut_5
iluut_6

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica.

I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

Thalassa Home

Artigianato bohemien ispirato all’Egeo

adidas e GORE-TEX lanciano la giacca perfetta per la vita in città

GORE-TEX si unisce ad adidas Originals lanciando una giacca avveniristica con tecnologia KARKAJ, progettata insieme a Conroy Nachtigall, pioniere dell’abbigliamento funzionale.

“Indésirables”

Un nuovo brand che strizza l’occhio alle grafiche del maggio francese del ’68

Ultimi Articoli

ARTS

ARTEPARCO

Il designer Marcantonio inaugura il progetto di arte sostenibile nei boschi del Parco Nazionale d’Abruzzo

MADE IN ITALY

Artctory

Una startup per dare visibilità al made in Italy nel mondo

DESIGN

La nuova scuola italiana: BURRO STUDIO

Federica Caserio e Giovanni Manzini sono l’anima creativa di BURRO STUDIO. In viaggio costante fra Milano e Verona, navigano fra branding, t-shirt ed eventi esotici.

Top