Fili Pari: il marmo da indossare

Trasformare un materiale freddo, pesante e statico come il marmo in eleganti impermeabili eco-friendly dai dettagli irresistibili? Oggi si può. Grazie a Fili Pari, brand nato dalla collaborazione tra Francesca […]

Trasformare un materiale freddo, pesante e statico come il marmo in eleganti impermeabili eco-friendly dai dettagli irresistibili? Oggi si può. Grazie a Fili Pari, brand nato dalla collaborazione tra Francesca Pievani e Alice Zanteschi, giovani creative conosciutesi durante il percorso universitario in Fashion Design e ritrovatesi poi, forti delle rispettive esperienze in ambito lavorativo, decise a portare avanti un progetto ambizioso che si fa spazio tra le proposte di moda etica.

Autentico protagonista dell’iniziativa è Veromarmo: una membrana realizzata miscelando polvere di marmo e resine che viene poi addizionata a diverse tipologie di tessuto, a seconda delle esigenze stilistiche. Il risultato è un materiale impermeabile, traspirante, antivento e ritardante di fiamma, dunque estremamente versatile e funzionale, declinato in creazioni dalle forme leggere e contemporanee adatte a soddisfare ogni tipo di acquirente e ad accompagnare ogni tipo di outfit.
I marmi utilizzati sono due e sono originari delle città di provenienza della coppia creativa: il marmo Ebano, proveniente dalla zona di Bergamo, dona al tessuto un color grigio antracite, mentre dal Rosso Verona si ottiene un salmone brillante.

Marinaretta

Pescivendola

Gioielliera

Medico

La collezione donna si compone di quattro modelli: Marinaretta, Pescivendola, Gioielliera e Medico. Ognuno si caratterizza per una silhouette morbida e tasche ampie e comode, mentre si differenziano in lunghezza (i primi due terminano ad altezza fianchi, i secondi sono di lunghezza media) e per alcuni particolari come la simil mantellina nel modello Marinaretta o gli inserti gioiello alle estremità del colletto di Gioielliera.

Mantella

Bomber

Giacca

Le proposte uomo, invece, sono tre: Mantella, Bomber e Giacca appartengono alla capsule Marble Collection realizzata in collaborazione con Milano 140. Il contrasto creato tra il grigio scuro e gli inserti gialli e le linee minimal dei capi contribuiscono alla definizione di un look underground, sportivo e contemporaneo.

Innovazione, sostenibilità e valorizzazione dei materiali (quelli più inaspettati) sono i capisaldi di Fili Pari, capace di creare grandi aspettative tanto nell’industria di moda green in ascesa quanto nei consumatori. Un marchio in grado di dare nuova vita a un materiale senza tempo.

 

 

Photos: Fili Pari, Frizzi Frizzi

Camilla Piccardi

Un’anima artistica e, in quanto tale, costantemente attratta dalla bellezza in ogni sua forma. Le vengono bene due cose: scrivere e i muffin. Ama le grandi città, i tacchi alti e avere sempre la risposta pronta.

Potrebbero Interessarti

The Urban Botanist

The Urban botanist ha pronta la soluzione a chi cerca di ravvivare la propria casa con delle piante, pur non avendo un pollice verde. I loro bellissimi terrari sono già […]

Daniel Buren illumina Firenze

Daniel Buren, uno dei più importanti artisti francesi contemporanei, presenterà domenica 7 dicembre 2014 alle ore 19.00 presso il Mercato Centrale di Firenze, “Tappeto Volante” una delle sue installazioni site-specific […]

Re;Code – This Is Not Just Fashion

Ogni anno le aziende di moda si trovano a dover far fronte a magazzini colmi di capi non venduti, che non solo non posso essere ripresentati nelle stagioni future, ma […]

Ultimi Articoli

DESIGN

Cacti Planters, i vasi per cactus ispirati a Frida Kahlo

Progettati da Anki Gneib per il brand svedese Nola, i Cacti Planters sono dei vasi per cactus che richiamano le forme e le proporzioni delle belle e pungenti piante tropicali.

FASHION

adidas Originals Futurepacer

Ispirate alle adidas Micropacer del 1984, le nuove adidas Originals Futurepacer spalancano le porte del futuro, grazie ad un design all’avanguardia che unisce mesh elasticizzato e strati di pelle di canguro.

EVENTS

PostKino, il cinema che gira la Puglia

Il cinema è capace di far viaggiare la nostra immaginazione, ma se fosse il cinema a viaggiare e a farci vivere delle esperienze uniche attraverso la scoperta di luoghi e cibi nuovi?

Top