Volta Footwear FW18

Nuovo logo per Volta, il brand nato nel 2008 e che ha battezzato la sua scarpa simbolo (giustamente) come “instant classic”. Declinata negli anni in differenti versioni, e affiancata da […]

VOLTA-gumsole-zip-campaign

Nuovo logo per Volta, il brand nato nel 2008 e che ha battezzato la sua scarpa simbolo (giustamente) come “instant classic”. Declinata negli anni in differenti versioni, e affiancata da nuovi modelli anche più “estremi”, torna anche per la FW18 collection a celebrare la creatività, la voglia di nuove idee e l’arte. La prima parte della campagna FW17 è scattata da Pietro Cocco insieme a Giuditta Aresi nel ruolo di set designer, mentre altri 3 creativi contribuiranno nelle prossime settimane a “rivisitare” la collezione.

Schermata 2017-10-08 alle 20.37.03

Schermata 2017-10-08 alle 20.36.52

Schermata 2017-10-08 alle 20.36.44

Schermata 2017-10-08 alle 20.36.38

VOLTA-gumsole-naked-campaign

Produzione made in Italy, materiali di qualità e stile casual perfetto per la città: troverai le tue Volta sullo shop online.

Schermata 2017-10-08 alle 20.36.30

Schermata 2017-10-08 alle 20.36.18

Schermata 2017-10-08 alle 20.36.09

Schermata 2017-10-08 alle 20.35.57

Potrebbero Interessarti

Timberland UNLOCK THE CITY

Timberland lancia la sue nuova sneaker Cityroam, trait d’union fra il classico boot e i dettagli più innovativi per l’outdoor, e lo fa in grande stile lanciando il progetto Unlock the City, con un grande evento a Milano.

Thalassa Home

Artigianato bohemien ispirato all’Egeo

adidas e GORE-TEX lanciano la giacca perfetta per la vita in città

progettata insieme a Conroy Nachtigall, pioniere dell’abbigliamento funzionale.

Ultimi Articoli

EVENTS

Parte oggi il Maker Faire Rome – The European Edition

Dal 12 al 14 ottobre Roma è al centro del dibattito sull’innovazione

DESIGN

Tediber, il comfort si ordina online

Un materasso dal prezzo competitivo e prestazioni hi-tech, in una nuova esperienza di acquisto

ARTS

Banksy ha distrutto una delle sue opere più famose

Non che ci fosse bisogno di conferme, ma l’artista (o il collettivo?) inglese ha di nuovo stupito il mondo. Come? Distruggendo una delle sue opere iconiche, non appena era stata battuta all’asta da Sotheby’s.

Top