Buratto

Li avevamo conosciuti tempo fa, e la loro creatività e le loro idee giornaliere non erano passate inosservate. Il duo Mathery, alias Matteo Sangalli ed Erika Zorzi, presenta ora Buratto, […]

Li avevamo conosciuti tempo fa, e la loro creatività e le loro idee giornaliere non erano passate inosservate. Il duo Mathery, alias Matteo Sangalli ed Erika Zorzi, presenta ora Buratto, un concept di occhiale sicuramente originale: ogni paio porta integrato sull’asta destra un elemento di 30×8 mm che non ha subito la lavorazione di finitura, “burattatura” appunto, da qui il nome del marchio.

Questo frammento da un lato rivela il processo che ha portato ad avere tutto il resto dell’occhiale liscio e lucido, dall’altro concede la possibilità di “personalizzarne la finitura”: l’uso quotidiano e l’esposizione data anche dalla custodia realizzata in collaborazione con Pijama, che lo offre al “rischio” di graffi e frizioni, ne permetteranno una continua personalizzazione, giorno dopo giorno.

La linea è composta da 8 modelli da vista, alcuni anche nelle versione da sole, interessanti non solo per il particolare “grezzo”, ma anche per le linee moderne. Sotto trovate tutte le foto,

BURATTO [bu-ràt-to] s.m.
Lavorazione meccanica di finitura superficiale dell’occhiale attraverso movimenti di rotamento ed urto all’interno di botti.

[nggallery id=57]

Angelo Superti

Editor in chief e fondatore di Polkadot. Ingegnere, curioso e appassionato, da sempre spettatore dell'eterno duello tra razionalità e creatività, tra idee e limiti di tempo. La Puglia è la sua casa.

One thought on “Buratto”

Comments are closed.

Potrebbero Interessarti

Design Letters, la storia dietro una semplice idea

Il sogno, diventato business, di Mette Thomsen

Moooi Hortensia Armchair

Nata da un progetto digitale, la nuova poltrona di Moooi è diventata reale ed è stata presentata a Milano.

Hevea, il design danese incontra la gomma naturale

Progettare per i più piccoli, con un occhio alle sorti del pianeta…

Ultimi Articoli

KIDS

Dantoy, giocattoli sostenibili e di qualità

La linea “I’m Green” utilizza la bioplastica realizzata dalla canna da zucchero

KIDS

ooh noo, pensata in Europa, prodotta in Slovenia

Tradizione artigianale per una ampia collezione di giochi in legno e tessili per la casa

KIDS

Kindsgut, giocattoli attraenti e di valore educativo

Pensati per l’infanzia, il periodo più prezioso della vita

Top