Internoitaliano

Internoitaliano è un nuovo sistema di produzione e vendita di oggetti d’arredo, nato dall’idea di Giulio Iacchetti, con l’obiettivo di portare il design d’autore e la qualità della lavorazione artigianale […]

Internoitaliano è un nuovo sistema di produzione e vendita di oggetti d’arredo, nato dall’idea di Giulio Iacchetti, con l’obiettivo di portare il design d’autore e la qualità della lavorazione artigianale italiana sul mercato globale grazie alla distribuzione per mezzo della rete internet.

Internoitaliano è un sistema nutrito da una rete di laboratori artigiani e aziende manifatturiere capaci di creare manufatti di altissima qualità più un sistema di circolazione globale e immediato quale la rete internet. Tutto questo fa si che si concretizzi l’idea di una vera e propria fabbrica diffusa.

Gli oggetti di Internoitaliano sono “oggetti felici” ossia progettati e realizzati con passione e liberi dai vincoli della produzione di massa. Possono così arrivare sul mercato, grazie a un sistema di circolazione immediato come internet, a un giusto prezzo, pur nel rispetto del valore del lavoro di ciascuno e dell’alta qualità dei materiali.

Ogni oggetto è in sé autonomo e versatile e può diventare parte di uno scenario complessivo che si potrà comporre in modo graduale nel tempo investendo i principali ambienti della casa.

I nomi scelti per gli oggetti di Internoitaliano sono un omaggio a cittadine e paesi appartenenti a un’Italia minore, mai celebrata, ma altrettanto reale e rappresentativa di una soffusa e autentica identità nazionale.

La parte di identità visiva è stata curata magistralmente da Leonardo Sonnoli giocando con l’idea di italianità a partire dalla grafica del sito in cui gli oggetti galleggiano in uno spazio assoluto descritto da assi cartesiani, accompagnati da simboli dell’italianità come le carte da briscola, i centrini della nonna, i cartelli delle carrozze dei treni, e così via.


Foto: Max Rommel

Silvio Girolamo

Sono un designer a capo di uno studio multidisciplinare omonimo. Amo comunicare e mi auspico che lo facciano anche gli spazi che viviamo o gli oggetti che utilizziamo. Promuovo un design empatico, funzionale e che utilizzi un linguaggio sorprendente. Leggo riviste, scrollo Instagram e Pinterest e sviluppo sempre un mio pensiero critico sulle cose.

Potrebbero Interessarti

8 e Mezzo

L’azienda pugliese ridefinisce il lusso in maniera sostenibile

Le borse modulari Packbags

Possono essere facilmente assemblate o smontate seguendo lo stile del consumatore

Le biciclette Banwood

Design contemporaneo con un tocco di fascino retrò, influenzato dal design scandinavo

Ultimi Articoli

FASHION

Lässig, casual e sostenibile

Stile e praticità nelle borse/zaini per le mamme

FASHION

Il Christmas pack di AW LAB

…e arriva anche la Canzone di Natale interpretata da Jasley

FASHION

Bottega Burro Studio

Un nuovo pop-up a Milano

Top