La matematica come fonte di ispirazione per arte, moda, intrattenimento e design

Il forte legame che c’è tra matematica e arte risale ai tempi più antichi, quando la disciplina divenne tutt’uno con l’architettura: le piramidi egiziane e i templi greci divennero il […]

Il forte legame che c’è tra matematica e arte risale ai tempi più antichi, quando la disciplina divenne tutt’uno con l’architettura: le piramidi egiziane e i templi greci divennero il primo esempio dei principi matematici al lavoro. Materia astratta per eccellenza quando ce la insegnano a scuola, la matematica ce la ritroviamo nella vita di tutti i giorni, dal conto che ci fa il cameriere al ristorante, fino alle previsioni meteo. Insomma, quando non è astratta, la matematica la consideriamo al massimo come un qualcosa di utile, ma difficilmente riusciamo a vederla come fonte di ispirazione per l’arte, il design, la moda o persino per l’entertainment.

Escher

La pittura ha attinto a piene mani dalla matematica soprattutto a partire dal Rinascimento, con Leonardo da Vinci (pensiamo all’uomo vitruviano) e Piero della Francesca, pittore e matematico, epoca in cui si dava molta importanza alla “sezione aurea”, che ancora oggi guida artisti e fotografi. In tempi più recenti per alcuni artisti del ‘900, molto prima della diffusione delle immagini dei frattali e di opere d’arte ispirate ad essi in maniera più o meno diretta, l’aritmetica e la geometria diventano elementi imprescindibili del loro lavoro: pensiamo alle linee e alle forme di Piet Mondrian, a Vassilij Kandinskij che ribalta il rapporto iniziale tra pittura e matematica. Se in tempi più antichi i numeri astratti servivano solo a dare perfezione all’ispirazione artistica, per Kandinskij la matematica può sostituirsi completamente all’immaginazione del pittore.

E in un certo senso gli danno ragione le opere di Maurits Cornelis Escher, famose per i suoi mondi impossibili, i paradossi visivi basati proprio su quelle discipline come la geometria e la cristallografia che, anziché minare le nostre certezze come fanno le opere di Escher, dovrebbero dare “ordine” alla realtà. Questo potere distruttivo che anche la matematica può avere è stato sfruttato anche da alcuni scrittori, provocando smarrimento con testi ottocenteschi come Flatlandia (in cui l’autore racconta una storia ambientata in un mondo a due dimensioni, con tutti gli inevitabili paradossi che ne seguono), ma anche forti emozioni (chiedere per informazioni a chi ha letto “La solitudine dei numeri primi”).

kandiskij

Tutto sembra invece riacquistare un ordine quando la matematica si sposa con l’intrattenimento e in particolare con i giochi. Pensiamo ad esempio alla dama e gli scacchi, all’ordine geometrico che vi regna, sia nella scacchiera, sia nelle mosse che le pedine possono fare. Anche nei giochi di carte entrano in ballo i numeri e qui la geometria fa spazio alla statistica: ne sanno qualcosa i giocatori di blackjack online, forse il gioco di carte più popolare, che ad ogni mano di gioco sono chiamati a fare calcoli di probabilità per individuare la mossa di gioco più conveniente. In tempi più recenti, giochi come Tetris e il Sudoku hanno appassionato, non sempre per gli stessi motivi, giocatori e matematici.

scacchi

La moda appassiona invece un po’ tutti e un crescente numero di designer utilizza la matematica come fonte di idee: i pattern basati su figure geometriche ripetute hanno ispirato sarti di varie epoche e ancora oggi molti stilisti giocano con queste forme; e non è un caso che un crescente numero di fashion designer ha una formazione di tipo matematico o ingegneristico. Anche l’alta moda parigina ha presentato in passato collezioni basate su una nuova forma di estetica, tutta geometrica, con il giusto equilibrio tra linee rette e curve, mentre l’algebra dei frattali ha ispirato lo scorso anno gli stilisti di Piquadro per la creazione di borse scomponibili in parti uguali tra loro, ma dai colori diversi, (quasi) come nelle immagini di Mandelbrot.

Potrebbero Interessarti

La nuova lezione di GoDaddy School of Digital 2021

L’ottava lezione è incentrata sul tema “E-commerce e Retail”

Ristrutturazione appartamento: 5 consigli pratici per un arredamento di qualità

Alcune dritte per evitare spese inutili ed ottenere il risultato desiderato

L’Inter senza Hakimi

Quanto peserà in casa nerazzurra la vendita al PSG del fortissimo quinto di destra?

Ultimi Articoli

DESIGN

Gli allegri accessori Done By Deer

La modernità del design scandinavo applicata al mondo dei più piccoli

ARTS

Q-ART code di Moaconcept

Un inedito progetto NFT per supportare gli artisti emergenti

DESIGN

Bloomingville MINI

Colori pastello e materiali di tendenza che portano il tocco unico del brand danese anche nella cameretta.

Top