Demolizioni architettoniche

Di sicuro avrete visto in tv o su internet le scene spettacolari di qualche “demolizione architettonica” di edifici caratterizzate da delicatissime implosioni. Pochi istanti per buttare giù vecchi palazzi o […]

Di sicuro avrete visto in tv o su internet le scene spettacolari di qualche “demolizione architettonica” di edifici caratterizzate da delicatissime implosioni. Pochi istanti per buttare giù vecchi palazzi o strutture in disuso magari costruiti in qualche anno, per un evento sebbene di poca durata che diventa uno show da guardare a bocca aperta.

Negli ultimi anni, la prima degna di nota è la demolizione del 2000 che ha segnato il Guinness World Records per la più grande costruzione mai demolita in America: lo stadio Kingdome di Seattle. Ben 125.000 tonnellate di detriti tirati giù da 21,6 miglia di cordone detonante e 4.700 lb di esplosivo.

Kingdome_demolizione

In Cina nel 2013 con una serie di esplosioni si è demolito un viadotto per ben 3,5 chilometri: un’operazione (notturna) abbastanza delicata, visto che il viadotto passava per diversi centri abitati ed era circondato da gasdotti e cavi elettrici. Ma le implosioni controllate sono riuscite a fare il lavoro “pesante” senza sfiorare le strutture adiacenti.

Anche Las Vegas non è stata da meno ultimamente, con ben 10 hotel-casinò abbattuti negli anni, alcuni con piccoli “show” con tanto di fuochi d’artificio e countdown prima che gigantesche nuvole di polvere, una volta diradate, scoprano un volume d’aria di nuovo “libero”.

Spettacolare e colorata con fumogeni blu e rossi, in pieno American-style, la demolizione del Wellington Hotel Annex, risalente agli anni 20, a 250 km da New York, che ha tirato giù gli 11 piani dell’albergo ormai vetusto.

demolizione_Wellington_Hotel_Annex

Diverse poi le demolizioni “green”, che contribuiscono cioè al benessere della zona e ambiente circostante, come quella che ha distrutto a Fort Lauderdale, in Florida, una centrale elettrica anni’60, con ben 200 chili di dinamite, e ha permesso poi la costruzione di un nuovo impianto di energia pulita a gas naturale.

centrale_elettrica_florida

Mentre per restare a casa, anche l’Italia ha visto la sua demolizione “degna di nota” con la distruzione del complesso immobiliare di Punta Perotti, sul lungomare di Bari. L’ecomostro, costruito nel 1995, aveva un impatto ambientale oltre il limite, e l’indagine della magistratura a riguardo si concluse con la demolizione (per la prima volta in Italia trasmessa in tv) degli edifici a quasi 11 anni di distanza dalla loro realizzazione.

punta perotti

Articolo scritto in collaborazione con Project Job, azienda che offre servizi di demolizioni civili e industriali.

Potrebbero Interessarti

Case di legno per ogni stile e design

Un nuovo concetto di edilizia sostenibile e accogliente

3D Housing 05

100mq nel cuore di Milano, una casa realizzata in soli 7 giorni con tecnologie di 3D printing all’avanguardia.

La collezione 2017 di Dedar

Non manca neanche per la collezione 2017 l’esplorazione di Dedar negli ambiti di espressione grafica e arte tessile, e dei loro punti d’unione e forza espressiva nelle realizzazioni su telai […]

Ultimi Articoli

DESIGN

RETROSUPERFUTURE / DANIËLLE CATHARI

RETROSUPERFUTURE lancia una collaborazione con una delle fashion designer del momento: Daniëlle Cathari.

ARTS

Lettera40, compri un poster e doni per le regioni colpite dal Covid-19

Lo studio Sunday Büro chiama a raccolta i maggiori illustratori italiani per una raccolta fondi. In vendita tantissimi poster dedicati alle diverse lettere dell’alfabeto (e non solo).

BAGS

Ribags

Da Valencia nasce lo zaino senza fronzoli che punta sulla qualità

Top