ALEX PRAGER // GARAGE MAGAZINE

L’approccio surrealista ha sempre avuto una gran presa su di me. Per questo è stato amore a prima vista per le immagini realizzate da Alex Prager per Garage magazine dal […]

L’approccio surrealista ha sempre avuto una gran presa su di me. Per questo è stato amore a prima vista per le immagini realizzate da Alex Prager per Garage magazine dal titolo MODERN LIVING.
Collage di parti di corpo erranti. Un quadro del vivere moderno scollegato e frammentario dove la cura manicale di ogni singolo dettaglio estetico si scontra con una latente sensazione di malessere interiore. A dare concretezza al concetto è l’attrice Julia Garner, protagonista degli scatti. La sua presenza è malinconica. La sua mente sempre rivolta verso un pensiero triste, in totale contrapposizione all’estetica perfetta che rimanda tanto a A single Man di Tom Ford.

1 ALEX PRAGER :: GARAGE MAGAZINE

2 ALEX PRAGER :: GARAGE MAGAZINE

3 ALEX PRAGER :: GARAGE MAGAZINE

4 ALEX PRAGER :: GARAGE MAGAZINE

5 ALEX PRAGER :: GARAGE MAGAZINE

6 ALEX PRAGER :: GARAGE MAGAZINE

Photographer
Alex PRAGER
Fashion Editor
Katie LYALL

Potrebbero Interessarti

Primavera Sound Festival 2019: Il finale

Il nostro report del Festival musicale più bello d’Europa

La nuova scuola italiana: BURRO STUDIO

Federica Caserio e Giovanni Manzini sono l’anima creativa di BURRO STUDIO. In viaggio costante fra Milano e Verona, navigano fra branding, t-shirt ed eventi esotici.

La nuova scuola italiana: Giorgia Fiore

Giorgia Fiore, fashion designer, racconta delle storie ispirate dalla sua Napoli. L’abbiamo intervistata per conoscere il suo background e chiederle dei suoi progetti futuri.

Ultimi Articoli

FASHION

I teli da mare Tucca non temono il vento

Design e funzionalità per colorare le tue giornate in spiaggia

FASHION

Branta, la capsule collection di Canada Goose

5 capi capi che esplorano l’interazione tra luce, arte e funzionalità

MUSIC

Quadrilogia degli stati d’animo, il nuovo EP di Corteccia

Il nuovo EP del duo lombardo Corteccia arriva a quattro anni dal primo album e ne ridefinisce l’immaginario sonoro e visivo.

Top