Unfluencer by FREITAG

Il produttore di borse green da Zurigo riflette sul buon e cattivo design durante la Milano Design Week.

Troppo facile parlare di bel design. Più utile, emozionante e interessante sarebbe farlo sul cattivo design, sui propri lavori peggiori. È questo ragionamento che ha spinto FREITAG, il brand svizzero famoso in tutto il mondo per le sue borse realizzate con teloni di camion (ve ne abbiamo parlato qui), a realizzare, insieme all’artista Georg Lendorff, Unfluencer – De-sinning the designer, l’installazione che durante la Milano Design Week cercherà di smascherare l’ipocrisia lanciando un dibattito sul “cattivo design”.

Filmati e luci proiettati su migliaia di fili immergeranno il visitatore nei tunnel, sotto la stazione Centrale, di via Ferrante Aporti 23 – all’interno del distretto, ormai cult, di Ventura Centrale, per un vero e proprio rito di purificazione (de-sinning), espiando e confessando (in un vero confessionale) i propri peccati relativi al design scadente ai consumi sbagliati.

Aperta tutti i giorni dal 9 al 14 aprile dalle 10 alle 20 (domenica: fino alle 18).

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica.

I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

Il design senza tempo di Childhome

Accessori e complementi per ambienti felici

I giochi di FRANCK & FISCHER

Realizzati in materiali naturali e sicuri, studiati per la sicurezza ed il divertimento di ogni bambino.

Modu, il sistema di blocchi per sviluppare le capacità motorie

Creatività e gioco attivo è la ricetta per il successo del sistema di gioco danese

Ultimi Articoli

KIDS

Trixie si ispira all’immaginazione dei bambini

La nuova collezione del brand belga

KIDS

The Wandering Workshop, giocattoli fatti di sogni

Realizzati in Grecia, con un design minimalista e giocoso

KIDS

Dantoy, giocattoli sostenibili e di qualità

La linea “I’m Green” utilizza la bioplastica realizzata dalla canna da zucchero

Top