Moooi Hortensia Armchair

Nata da un progetto digitale, la nuova poltrona di Moooi è diventata reale ed è stata presentata a Milano.

Può una poltrona ricoperta di trentamila petali essere realizzata davvero? A quanto pare sì, per l’olandese Moooi e i designer Andrés Reisinger e Júlia Esqué che hanno immaginato la Hortensia Armchair nei soggiorni, hotel e ristoranti di tutto il mondo.

Nata come sogno impossibile, un rendering 3D irrealizzabile, Hortensia Armchair è il frutto del progetto di Andrés Reisinger. Il designer l’aveva infatti pubblicata su Instagram, ricevendo diversi ordini per un prodotto che, di fatto, non esisteva.

Così è sbocciata, è proprio il caso di dirlo, una domanda: come realizzarla davvero? Lì è entrata in gioco Jùlia Esquè, che ha studiato la fodera – rosa o grigia – per riprodurre la sensazione tenue dei petali.

Infine è arrivato Moooi, il brand ideale per trasformare il progetto in un prodotto vero, disponibile in edizione limitata. Sul sito del brand è possibile visualizzare Hortensia Armchair grazie a un simulatore digitale e contattare l’azienda per ordinarla.

Gianvito Fanelli

Pugliese, vivo a Milano. Sono un designer e mi occupo principalmente di comunicazione ed eventi. Mi piace la musica.

I come from Puglia, but I live in Milan. I'm a designer and I mainly work in the communication and events fields. I like music.

Potrebbero Interessarti

Modu, il sistema di blocchi per sviluppare le capacità motorie

Creatività e gioco attivo è la ricetta per il successo del sistema di gioco danese

Land Rover Nuova Defender vincitrice al WCOTY 2021

Il titolo “World Car Design of the year” agli “Annual World Car Awards 2021”

Design Letters, la storia dietro una semplice idea

Il sogno, diventato business, di Mette Thomsen

Ultimi Articoli

KIDS

Trixie si ispira all’immaginazione dei bambini

La nuova collezione del brand belga

KIDS

The Wandering Workshop, giocattoli fatti di sogni

Realizzati in Grecia, con un design minimalista e giocoso

KIDS

Dantoy, giocattoli sostenibili e di qualità

La linea “I’m Green” utilizza la bioplastica realizzata dalla canna da zucchero

Top