The Opposite

Passione e logica, arte e scienza, rigore e improvvisazione, artificio e natura. Può essere sconcertante come dalla simbiosi di concetti antitetici, storicamente concepiti come alternativi, belligeranti e contraddittori, possano nascere […]

The Opposite

Passione e logica, arte e scienza, rigore e improvvisazione, artificio e natura. Può essere sconcertante come dalla simbiosi di concetti antitetici, storicamente concepiti come alternativi, belligeranti e contraddittori, possano nascere percorsi creativi di grande potenza, concettualmente innovativi, emotivamente sconvolgenti. Nella esposizione “The Opposite” l’architetto e designer Romolo Stanco presenterà, insieme al collettivo romano Paula Design, un racconto fatto di paradossi, di ossimori e di contrappunti stilistici, attraverso oggetti sospesi tra passato e futuro, tra realtà ed apparenza, incastrati in un tempo liminale, nel quale la contraddizione è parte integrante del mondo. Ricontestualizzando un tema sviluppato da Elio Franzini nel saggio – dal titolo volutamente ossimorico – “Le Ragioni delle passioni”, ovvero il tentativo di non contrapporre ragione e passione come se fossero completamente distinte, “The Opposite” presenta oggetti che tentano di conciliare ambiti apparentemente antitetici attraverso una interazione diretta con l’utente, con l’ambiente e la cultura contemporanea, con l’azione d’uso esaltata da una potente valenza di espressione emotiva.  Ragione e Passione, natura e artificio1, arte e scienza in realtà appartengono a due mondi in continua collaborazione. La passionalità si rivela essenziale nella stessa scienza, perché indica quello che è il rapporto originario con il mondo: un vivere nel mondo non secondo ragione, ma attraverso un corpo, una sensibilità e un sentire,  Così tecnologie sperimentali e sensibilità poetica, gesti quotidiani ed espressività artistica, emozioni magiche e concretezza scientifica confondono i loro tradizionali confini in un campo di interazione fluido e dinamico, come in una composizione jazz, senza il timore (anzi con l’orgoglio) della contraddizione.  “The Opposite” sarà ospitata nel suggestivo Spazio Mo.C.A – diretto dall’architetto Cinzia Bonamoneta – un’ex falegniameria del ‘400 in Rione Monti, quartiere tra l’altro da sempre di richiamo per le realtà artistiche del panorama italiano.

Gallery info:
Mo.C.A. Spazio culturale
Direzione: Cinzia Bonamoneta
Roma – Piazza Degli Zingari 1 (00184)
+39 064742764 (tel), +39 064742764 (fax)
moca@mocaroma.it // www.mocaroma.it

Angelo Superti

Editor in chief e fondatore di Polkadot. Ingegnere, curioso e appassionato, da sempre spettatore dell'eterno duello tra razionalità e creatività, tra idee e limiti di tempo. La Puglia è la sua casa.

Potrebbero Interessarti

AW LAB STYLE ACADEMY POWERED BY ADIDAS ORIGINALS

4 masterclass per mostrare il proprio stile e la propria creatività

#REDENTORE2019

Storia e Suggestioni per la festa più spettacolare dell’Estate: il Redentore di Venezia. Swatch in laguna rinnova il suo legame con la Biennale.

Fuck Normality 2019

Fuck Normality nasce in Salento e da qualche anno ormai ha il suo epicentro al Sudestudio di Guagnano, studio di registrazione immerso fra gli ulivi secolari.

Ultimi Articoli

FASHION

Calzature AGL, un’ode alla femminilità

Le calzature pensate dalle 3 donne al vertice dell’azienda di famiglia, per le donne

DESIGN

Le proposte per Natale di Armando Poggi

La selezione dello storico negozio di Firenze

DESIGN

I giocattoli in legno di Min Min Copenhagen

Il design minimalista dei blocchi esalta la creatività dei più piccoli

Top