MASSIMO MAZZU e il peso della sensualità

“Racconto non storie, non sentimenti ma impulsi attraverso le mie figure che spesso si colorano del rosso del sangue, che indossano simboli feticisti come tacchi a spillo e calze autoreggenti.” […]

MASSIMO MAZZU e il peso della sensualità

mazzu2

“Racconto non storie, non sentimenti ma impulsi attraverso le mie figure che spesso si colorano del rosso del sangue, che indossano simboli feticisti come tacchi a spillo e calze autoreggenti.”

Cosi’ un giovane emergente illustratore tranese(ma anche designer, musicista e grafico!) descrive i suoi lavori…MASSIMO MAZZU. Donne esplosive si contorcono difronte al riguardante esibendosi, spogliandosi, mostrandosi nella loro nuda verità da cui emerge un dato sempre macabro, color sangue che rimanda al peccato. E non sono molto dissimili dal modo in cui le donnine patinate delle riviste, del porno e delle live chat si offrono al pubblico-cliente e che, rielaborate dall’artista, perdono la loro identità in pochi tratti somatici, lasciando parlare il loro corpo rigonfio di sensualità.
Ma c’è qualcosa di classico dietro la statuaria presenza di quelle donne ( a volte sostituite dall’ Uomo-Priamo) che soppresse nel piccolo formato che l’artista concede loro ( 210x297mm ) paiono sorreggere il peso della violenza che esprimono come greche Cariatidi. Non a caso, tutto è iniziato con la visione della Venere Willendorfiana su un libro di storia, dalla quale Mazzu racconta di esserne stato folgorato e alla quale si sono aggiunte influenze neo-espressioniste, surrealiste ed art brut.
Dopo aver esposto in mostre personali e colettive tra cui DIRTY SHOW 10 a Detroit e pubblicato in svariate riviste e webzines internazionali, l’artista ritorna a Milano in “THE WHOREHOUSE WITHIN ME, tra il cuore e le budella” presso la Limited No Art Gallery (via Nicola Antonio Porpora, 148) a partire dal 25 settembre.

l_1225cdc1146848c38cf6be1b3919ea8d

Federica Sfregola

Da piccola sognava di diventare un'archeologa, ma molto presto ha capito che il "vecchio" non faceva per lei. L'arte, invece, le è rimasta tra le vene. Appassionata di creatività, trascorre troppo tempo a navigare nel web cercando novità (artistiche, musicali, cinematografiche, modaiole) ascoltando SOLO musica indipendente. Le piace il decollo degli aerei, la luce che filtra tra i rami degli alberi e gli Arcade Fire. Non le piace chi la chiama "cara", il disordine e la parola "ormai".

Potrebbero Interessarti

Q-ART code di Moaconcept

Un inedito progetto NFT per supportare gli artisti emergenti

Il mondo incantato dei vetri di Pierre Rosenberg

Un favoloso destino per una straordinaria collezione, tra Venezia e Parigi

Caleidoscopica, l’arte di Olimpia Zagnoli

Il libro accompagna l’omonima mostra personale dell’artista, curata da Melania Gazzotti, presso i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Ultimi Articoli

FASHION

Lässig, casual e sostenibile

Stile e praticità nelle borse/zaini per le mamme

FASHION

Il Christmas pack di AW LAB

…e arriva anche la Canzone di Natale interpretata da Jasley

FASHION

Bottega Burro Studio

Un nuovo pop-up a Milano

Top