MASSIMO MAZZU e il peso della sensualità

“Racconto non storie, non sentimenti ma impulsi attraverso le mie figure che spesso si colorano del rosso del sangue, che indossano simboli feticisti come tacchi a spillo e calze autoreggenti.” […]

MASSIMO MAZZU e il peso della sensualità

mazzu2

“Racconto non storie, non sentimenti ma impulsi attraverso le mie figure che spesso si colorano del rosso del sangue, che indossano simboli feticisti come tacchi a spillo e calze autoreggenti.”

Cosi’ un giovane emergente illustratore tranese(ma anche designer, musicista e grafico!) descrive i suoi lavori…MASSIMO MAZZU. Donne esplosive si contorcono difronte al riguardante esibendosi, spogliandosi, mostrandosi nella loro nuda verità da cui emerge un dato sempre macabro, color sangue che rimanda al peccato. E non sono molto dissimili dal modo in cui le donnine patinate delle riviste, del porno e delle live chat si offrono al pubblico-cliente e che, rielaborate dall’artista, perdono la loro identità in pochi tratti somatici, lasciando parlare il loro corpo rigonfio di sensualità.
Ma c’è qualcosa di classico dietro la statuaria presenza di quelle donne ( a volte sostituite dall’ Uomo-Priamo) che soppresse nel piccolo formato che l’artista concede loro ( 210x297mm ) paiono sorreggere il peso della violenza che esprimono come greche Cariatidi. Non a caso, tutto è iniziato con la visione della Venere Willendorfiana su un libro di storia, dalla quale Mazzu racconta di esserne stato folgorato e alla quale si sono aggiunte influenze neo-espressioniste, surrealiste ed art brut.
Dopo aver esposto in mostre personali e colettive tra cui DIRTY SHOW 10 a Detroit e pubblicato in svariate riviste e webzines internazionali, l’artista ritorna a Milano in “THE WHOREHOUSE WITHIN ME, tra il cuore e le budella” presso la Limited No Art Gallery (via Nicola Antonio Porpora, 148) a partire dal 25 settembre.

l_1225cdc1146848c38cf6be1b3919ea8d

Federica Sfregola

Da piccola sognava di diventare un'archeologa, ma molto presto ha capito che il "vecchio" non faceva per lei. L'arte, invece, le è rimasta tra le vene. Appassionata di creatività, trascorre troppo tempo a navigare nel web cercando novità (artistiche, musicali, cinematografiche, modaiole) ascoltando SOLO musica indipendente. Le piace il decollo degli aerei, la luce che filtra tra i rami degli alberi e gli Arcade Fire. Non le piace chi la chiama "cara", il disordine e la parola "ormai".

Potrebbero Interessarti

Il mondo incantato dei vetri di Pierre Rosenberg

Un favoloso destino per una straordinaria collezione, tra Venezia e Parigi

Caleidoscopica, l’arte di Olimpia Zagnoli

Il libro accompagna l’omonima mostra personale dell’artista, curata da Melania Gazzotti, presso i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Be a rainbow maker for someone else

Meno di una settimana di tempo e la propria sede a disposizione. Questi i termini della call dedicata ai makers, lanciata da GAS sui social per supportare i talenti.

Ultimi Articoli

MUSIC

Guarda il video di “Proteggimi dal male” di Dodicianni

Quattro anni dopo, Andrea Dodicianni, in arte Dodicianni, pubblica il suo nuovo EP “Lettere dalla lunga notte”.

MUSIC

Il Locus Festival 2021 è Open-eyed music!

Dal 24 luglio e lungo tutto agosto, nel cuore della Puglia

DESIGN

WOOD-SKIN Fold Panels

L’azienda italiana Wood-Skin lancia una nuova collezione di rivestimenti per parete in legno che giocano con luci e ombre.

Top