Elita Festival 2012 Diary|Day#2

Dimmi che musica ascolti e ti dirò chi sei. Ho sempre pensato che le persone vadano “catalogate” in base ai loro gusti musicali. Perdonatemi, ma c’è chi lo fa con […]

Dimmi che musica ascolti e ti dirò chi sei. Ho sempre pensato che le persone vadano “catalogate” in base ai loro gusti musicali. Perdonatemi, ma c’è chi lo fa con le scarpe, il lavoro e altri tipi di sciocchezze che non hanno nulla a che vedere con il modo in cui la gente sceglie di trascorrere il proprio tempo in solitudine o in compagnia. Se ci pensate, la musica occupa gran parte della nostra quotidianità e, spesso, non facciamo caso all’influenza che una melodia può esercitare sulla sorte del nostro umore. Ritrovarsi in una location come il Teatro Parenti, in un giovedì milanese di pioggia, per l’Elita Festival 2012 deve essere stato per il pubblico un’ottima occasione per ribadire il concetto.

Mentre il foyer accoglieva dj set di ogni tipo (Black Candy, Populous e Wad Suxx), nel main room si sono esibiti i sognanti Iori’s Eyes e a seguire gli sperimentalissimi Walls. Alle h.23,00 i Little Dragon, la band svedese nata nel 1996 e capeggiata dall’energica Yukimi Nagano. Con il loro mix di experimental-pop, R&B, new wave e drum machine hanno trascinato il pubblico in una tempesta di suoni dance ritmati con cui non si poteva proprio star fermi!

Anche stavolta abbiamo cercato di conoscere il pubblico elitiano, chiedendo in giro quanto tempo (appunto) dedica quotidianamente all’ascolto della musica. Sentite qui cosa ha risposto.


Video realizzato da Enrico Madau

Finalmente è venerdì. Per noi di Polkadot significa intervistare Connan Mockasin prima del suo live al Parenti, per voi girovaghi della Design Week vuol dire mandare in tilt i vostri smartphone a colpi di tweet e instagrammate! Buono sharing!

Federica Sfregola

Da piccola sognava di diventare un'archeologa, ma molto presto ha capito che il "vecchio" non faceva per lei. L'arte, invece, le è rimasta tra le vene. Appassionata di creatività, trascorre troppo tempo a navigare nel web cercando novità (artistiche, musicali, cinematografiche, modaiole) ascoltando SOLO musica indipendente. Le piace il decollo degli aerei, la luce che filtra tra i rami degli alberi e gli Arcade Fire. Non le piace chi la chiama "cara", il disordine e la parola "ormai".

Potrebbero Interessarti

AW LAB STYLE ACADEMY POWERED BY ADIDAS ORIGINALS

4 masterclass per mostrare il proprio stile e la propria creatività

#REDENTORE2019

Storia e Suggestioni per la festa più spettacolare dell’Estate: il Redentore di Venezia. Swatch in laguna rinnova il suo legame con la Biennale.

Fuck Normality 2019

Fuck Normality nasce in Salento e da qualche anno ormai ha il suo epicentro al Sudestudio di Guagnano, studio di registrazione immerso fra gli ulivi secolari.

Ultimi Articoli

DESIGN

WOOD-SKIN Fold Panels

L’azienda italiana Wood-Skin lancia una nuova collezione di rivestimenti per parete in legno che giocano con luci e ombre.

FASHION

TIMBERLAND x EASTPAK

Sostenibilità, resistenza, autenticità

PEOPLE

Scopri l’app di incontri che cambierà la tua vita sociale per sempre

Progettato per far sì che i single si stacchino dal telefono e incontrino effettivamente nuove persone che la pensano come loro

Top