Hasta pronto Sonar!

Sonar, 15 giorni dopo: 109.000 persone, venute da 99 paesi diversi, per una 3 giorni non stop. Ovviamente non ce lo siamo persi: se quest’anno non c’eravate, rivivete con noi […]

publico13_sonarvillage_arielmartini_sonar2014_8

Sonar, 15 giorni dopo: 109.000 persone, venute da 99 paesi diversi, per una 3 giorni non stop. Ovviamente non ce lo siamo persi: se quest’anno non c’eravate, rivivete con noi questa ventunesima edizione.
Ecco i nostri preferiti:
Despacio: un gioiello retro, un’istallazione ideata da James Murphy e i 2ManyDjs; riconoscevi l’ingresso dalla coda chilometrica nello spazio di Plaza Espanya. Buio pesto, musica non stop e un cartello diretto al pubblico che diceva “maybe don’t take pictures, maybe don’t shoot videos, maybe just be here, just for today”.
Rojksopp: hanno aperto la prima notte del Sonar 2014; due ore di show, insieme a Robyn, con i migliori pezzi di entrambi. Luci, neon e proiezioni, chiudono con “Do it again”.
Moderat: luci che si combinano alla perfezione con le immagini geometriche proiettate sullo sfondo, i tedeschi accendono il gremitissimo Sonar Pub con “Rusty Nails”.
Kaytranada: uno dei piu attesi (e migliori) del Sonar by Night; in perfetto equilibrio, tra hit e r&b, fa ballare per piu di un ora l’intero Sonar Pub e non delude nessuna aspettiva. Grandissimo!
Todd Terje: come sempre una certezza, anche questa volta coinvolge tutti. Tra ritmi quasi caraibici e l’immancabile hit “Inspector Norse”, ci ricarica le pile per continuare la serata.
Four Tet: il suo show è una vera e propria montagna russa; house folk sperimentale, viaggiamo, per più di un ora, insieme a lui sotto le stelle del Sonar Pub.
Kid Koala: sotto il sole cocente del Sonar by day, piomba sul palco con la pelosissima (e pesantissima) tuta da koala; ci presenta il suo pazzo show, Vinyl Vaudeville 2.0, con tanto di ballerine, marionette e juke box: il Sonar Village è totalmente scatenato.
Massive Attack: aprono l’ultima delle due serate di quest’anno; un vero e proprio ripasso all’intera carriera del gruppo di Bristol, con due ore di musica accompagnate da visual e LED in catalano, a favore della libertà d’espressione.
Chiudiamo con Brodinski, Daphni b2b James Holden e Ralph Lawson: si chiude il sipario sull’edizione di quest’anno; come sempre non ce ne vogliamo andare dallo spazio della Fira ma è arrivato il momento di riprendere la navetta e tornare a casa.
E ora? Se non ce la fate ad aspettare un anno e (beati voi) capitate da una di queste parti, ve lo potete vedere a: Citta del Capo (16 dicembre), Reykjavik (12, 13, 14 febbraio 2015), Stoccolma (13 e 14 febbraio 2015), Copenhagen (13 e 14 marzo 2015).

royksopprobyn_sonarclub_ogarcia_sonar2014_2

sonar2014_by_mahala_marcet

despacio_arielmartini_sonar2014_3

ryanhemsworth_sonarvillage_arielmartini_sonar2014_1

massive-attack_sonarclub_juansala_sonar2014_04

yelle_sonarlab_juansala_sonar2014_01

Potrebbero Interessarti

Barcellona nascosta: 4 posti che non conosci

… ma interessanti al pari delle maggiori attrazioni turistiche.

Primavera Sound Festival 2019: Il finale

Il nostro report del Festival musicale più bello d’Europa

Sonar 2019: la line up definitiva

Dal 18 al 20 luglio a Barcellona

Ultimi Articoli

DESIGN

RETROSUPERFUTURE / DANIËLLE CATHARI

RETROSUPERFUTURE lancia una collaborazione con una delle fashion designer del momento: Daniëlle Cathari.

ARTS

Lettera40, compri un poster e doni per le regioni colpite dal Covid-19

Lo studio Sunday Büro chiama a raccolta i maggiori illustratori italiani per una raccolta fondi. In vendita tantissimi poster dedicati alle diverse lettere dell’alfabeto (e non solo).

BAGS

Ribags

Da Valencia nasce lo zaino senza fronzoli che punta sulla qualità

Top