All the World’s Futures, la Biennale secondo Okwui Enwezor

“C’è un quadro di Klee che s’intitola ‘Angelus Novus’. Vi si trova un angelo che sembra in atto di allontanarsi da qualcosa su cui fissa lo sguardo. Ha gli occhi […]

"Angelus Novus" Paul Klee in 1920

“Angelus Novus” Paul Klee, 1920

“C’è un quadro di Klee che s’intitola ‘Angelus Novus’. Vi si trova un angelo che sembra in atto di allontanarsi da qualcosa su cui fissa lo sguardo. Ha gli occhi spalancati, al bocca aperta, le ali distese. L’angelo della storia deve avere questo aspetto. Ha il viso rivolto al passato. Dove ci appare una catena di eventi, egli vede una sola catastrofe, che accumula senza tregua rovine su rovine e le rovescia ai suoi piedi. Egli vorrebbe ben trattenersi, destare i morti e ricomporre l’infranto. Ma una tempesta spira dal paradiso, che si è impigliata nelle sue ali, ed è così forte che egli non può più chiuderle. Questa tempesta lo spinge irresistibilmente nel futuro, a cui volge le spalle, mentre il cumulo delle rovine sale davanti a lui al cielo. Ciò che chiamiamo il progresso, è questa tempesta. ” Walter Benjamin, Tesi di filosofia della storia

Okwui Enwezor ha così esposto il suo progetto per la prossima mostra d’arte di Venezia:
« Le fratture che oggi ci circondano e che abbondano in ogni angolo del panorama mondiale,
rievocano le macerie evanescenti di precedenti catastrofi accumulatesi ai piedi dell’angelo della
storia nell’Angelus Novus. Come fare per afferrare appieno l’inquietudine del nostro tempo,
renderla comprensibile, esaminarla e articolarla? I cambiamenti radicali verificatisi nel corso degli
ultimi due secoli hanno prodotto nuovi e affascinanti spunti per artisti, scrittori, cineasti,
performer, compositori e musicisti. Ed è riconoscendo tale condizione che la 56. Esposizione
Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia propone All the World’s Futures, un progetto
dedicato a una nuova valutazione della relazione tra l’arte e gli artisti nell’attuale stato delle cose ».

La Mostra: il parlamento delle forme
« Al posto di un unico tema onnicomprensivo, All the World’s Futures è permeato da uno strato di
Filtri sovrapposti, intesi come una costellazione di parametri che circoscrivono le molteplici idee
che verranno trattate per immaginare e realizzare una diversità di pratiche. La 56. Esposizione
utilizzerà come Filtro la traiettoria storica che la Biennale stessa ha percorso durante i suoi 120 anni
di vita, un Filtro attraverso il quale riflettere sull’attuale “stato delle cose” e sull’ “apparenza
delle cose” ».
« In che modo artisti, filosofi, scrittori, compositori, coreografi, cantanti e musicisti, attraverso
immagini, oggetti, parole, movimenti, azioni, testi e suoni, possono raccogliere dei pubblici
nell’atto di ascoltare, reagire, farsi coinvolgere e parlare allo scopo di dare un senso agli
sconvolgimenti di quest’epoca? Quali materiali simbolici o estetici, quali atti politici o sociali
verranno prodotti in questo spazio dialettico di riferimenti per dare forma a un’esposizione che
rifiuta di essere confinata nei limiti dei convenzionali modelli espositivi? In All the World’s Futures,
lo stesso curatore insieme agli artisti, agli attivisti, al pubblico e ai partecipanti di ogni genere
saranno i protagonisti centrali nell’aperta orchestrazione di questo progetto ».
« Al centro della Mostra c’è la nozione di esposizione come palcoscenico nella quale verranno
esplorati progetti storici e antistorici. All’interno di questa struttura gli aspetti della 56.
Esposizione privilegeranno nuove proposte e lavori specificatamente concepiti dagli artisti,
cineasti, coreografi, performer, compositori e scrittori invitati per lavorare individualmente o in
collaborazione ».

Tre i Filtri che strutturano All the World’s Futures:
Vitalità: sulla durata epica;
Il giardino del disordine;
Il Capitale: una lettura dal vivo.

Vitalità: sulla durata epica
« All the World’s Futures è una manifestazione, sia temporale sia spaziale che è incessantemente
incompleta, strutturata da una logica dello svolgimento, un programma di eventi che può essere
esperito nel punto d’incontro tra “vitalità” ed “esibizione ”. Sarà una drammatizzazione dello
spazio espositivo come un evento dal vivo in continuo svolgimento. Così facendo All the World’s
Futures proporrà delle opere che esistono già, ma chiederà anche dei contributi che saranno
realizzati appositamente ed esclusivamente per questa Mostra ».

Il giardino del disordine
« Questo Filtro, collocato nei Giardini e nel Padiglione Centrale nonché nelle Corderie, nel Giardino
delle Vergini dell’Arsenale e in altri spazi selezionati a Venezia, utilizza lo spazio storico dei
Giardini della Biennale come una metafora attraverso la quale esplorare l’attuale “stato delle cose”.
La Biennale Arte 2015 ritorna sull’antico territorio di questo ideale per esplorare i cambiamenti
nell’ambiente globale, per leggere i Giardini, con il suo malridotto insieme di padiglioni, come il
sito ultimo di un mondo disordinato, di conflitti nazionali e di deformazioni territoriali e
geopolitiche. Gli artisti sono stati invitati ad elaborare delle proposte che avranno come punto di
partenza il concetto di giardino, realizzando nuove sculture, film, performance e installazioni per
All the World’s Futures ».

Il Capitale: una lettura dal vivo
« Oltre al caos e al disordine propri dell’attuale “stato delle cose”, esiste una preoccupazione
dilagante che è al centro della nostra epoca e modernità. Fin dalla pubblicazione dell’imponente
opera di Marx Il Capitale: Critica dell’economia politica nel 1867, la struttura e la natura del capitale
ha suscitato l’interesse di filosofi e artisti, ispirando teorici della politica, economisti e strutture
ideologiche in tutto il mondo. Una parte centrale di questo programma di letture dal vivo è “Das
Kapital”, un imponente progetto bibliografico frutto di una meticolosa ricerca, concepito dal
direttore artistico nel Padiglione Centrale ».
« Con questa prospettiva, All the World’s Futures, attraverso le sue costellazioni di Filtri, scaverà a
fondo nello “stato delle cose” e metterà in discussione l’”apparenza delle cose” passando da
un’enunciazione gutturale della voce alle manifestazioni visive e fisiche, tra opere d’arte e
pubblico ».

Biennale Arte - Okwui Enwezor e Paolo Baratta

« La prima Mostra Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia riformata ebbe luogo nel
1999, e fu in quell’anno, all’inizio di una nuova fase della propria vita, che dovette reagire a molte
osservazioni critiche: una mostra organizzata per padiglioni sembrava una formula obsoleta o
comunque invecchiata nell’epoca della conclamata globalizzazione».
Così il Presidente Paolo Baratta ha introdotto la 56. Esposizione Internazionale d’Arte
rammentando di aver accettato la critica ma non le conclusioni che taluni proponevano: «non
rinnegammo cioè la Biennale per padiglioni – chiarisce il Presidente – ma aggiungemmo a essa in
via definitiva una nostra grande Mostra Internazionale autonoma. Predisponemmo nuovi grandi
spazi e nominammo un curatore per questo progetto ambizioso. Una grande Mostra
Internazionale, e non più sezioni internazionali aggiunte volta a volta alla mostra del curatore del
Padiglione Italiano. Un curatore internazionale per la nostra Mostra Internazionale e mai più
comitati o commissioni. Il modello funzionò, e in questa nuova vitale formula duale il numero
dei paesi che chiesero di partecipare aumentò. Sono trascorsi 15 anni da quella riforma e
dall’avvio di questa nuova storia. Ed è grazie a quella scelta strategica che oggi un curatore come
Okwui Enwezor (come i suoi più recenti predecessori) può proporci, non una “sezione”, ma un
progetto di Mostra Internazionale ispirata dall’ambizione di offrire al mondo una cassa di
risonanza del mondo».

« In quell’occasione – spiega Baratta – ai Giardini fu affiancato l’Arsenale e oggi, dopo 15 anni, il
numero di paesi partecipanti nelle due sedi si eguaglia: 28 partecipazioni nazionali ai Giardini e
altrettante all’Arsenale, in occasione della 14.a Mostra Internazionale di Architettura. Questa più
precisa responsabilità assunta dalla Biennale ha fatto evolvere il dialogo con i padiglioni e i paesi
partecipanti. Il pluralismo di voci che ne risulta è un unicum della Biennale di Venezia».
« La Biennale – precisa Baratta – è una Mostra d’Arte, non una mostra mercato. Non basta un
neutrale aggiornamento dell’elenco degli artisti più o meno giovani e noti. L’arte e la presente
realtà ci sfidano a compiti più complessi. Abbiamo, in passato, definito in vari modi la Biennale.
Oggi, di fronte ai pericoli di scivolamenti conformistici verso il noto, il consueto e il sicuro,
l’abbiamo denominata la “Macchina del desiderio”. Mantenere alto il desiderio di arte. A sua volta,
desiderare l’arte è riconoscerne la necessità. È, cioè, riconoscere come necessità primaria e
primordiale l’impulso dell’uomo a dare forma sensibile alle utopie, alle ossessioni, alle ansie, ai
desideri, al mondo ultra sensibile».
« Una Biennale è cosa complessa – dichiara il Presidente. Qualunque sia il punto di partenza del
curatore – filosofico, politico, antropologico – la sua selezione dovrà davvero presentarci creazioni
necessarie e vitali alla nostra percezione. E l’introduzione di ‘Biennale College’ aumenta il nostro
impegno verso le nuove generazioni di artisti. L’edizione in corso di Architettura ha avuto al suo
interno presenze aggiunte dei settori Danza Teatro Musica e Cinema, la prossima Biennale d’Arte
conterrà al suo interno varie forme dell’arte, ma come parti integrante della Mostra».
« Non è la prima volta – conclude Baratta – che una mostra ha davanti a sé un mondo fatto di
insicurezze e turbolenze mentre il “giardino del mondo” ci appare un giardino non ordinato, ma
non è neppure la prima volta che a una realtà complessa una mostra reagisca con entusiasmo ed
energia vitale come fa questa che ci accingiamo a realizzare».

La 56. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia presenterà, come di consueto,
le Partecipazioni nazionali, con proprie mostre nei Padiglioni ai Giardini e all’Arsenale, oltre che
nel centro storico di Venezia.
Anche per questa edizione si prevedono selezionati Eventi collaterali proposti da enti e istituzioni
internazionali, che allestiranno le loro mostre e le loro iniziative a Venezia in concomitanza con la
56. Esposizione.

la Biennale di Venezia
56. Esposizione Internazionale d’Arte
curata da Okwui Enwezor
All the World’s Futures
Venezia (Arsenale e Giardini), 9 maggio – 22 novembre 2015
(vernice 6, 7 e 8 maggio 2015)

Sito web ufficiale della 56. Esposizione: www.labiennale.org
Hashtag ufficiale: #biennalearte2015

One thought on “All the World’s Futures, la Biennale secondo Okwui Enwezor”

Comments are closed.

Potrebbero Interessarti

Caleidoscopica, l’arte di Olimpia Zagnoli

Il libro accompagna l’omonima mostra personale dell’artista, curata da Melania Gazzotti, presso i Chiostri di San Pietro a Reggio Emilia

Be a rainbow maker for someone else

Meno di una settimana di tempo e la propria sede a disposizione. Questi i termini della call dedicata ai makers, lanciata da GAS sui social per supportare i talenti.

Little People Big Dreams

La collana di monografie per scoprire i sogni dei bambini che fanno di tutto per realizzarli

Ultimi Articoli

DESIGN

Hevea, il design danese incontra la gomma naturale

Progettare per i più piccoli, con un occhio alle sorti del pianeta…

KIDS

Kindsgut, giocattoli attraenti e di valore educativo

Pensati per l’infanzia, il periodo più prezioso della vita

KIDS

Pinch Toys, giocattoli eco-friendly

Fatti per durare nel tempo, morbidi e leggeri al tatto, e con il profumo del legno appena raccolto nei boschi della Croazia

Top