Nuovi nomi nella line-up del Design Week Festival

Una nuova infornata di artisti arricchisce il programma del Design Week Festival 10, a Milano dal 14 al 19 aprile. Dopo le prime cartucce sparate con nomi del calibro di […]

Una nuova infornata di artisti arricchisce il programma del Design Week Festival 10, a Milano dal 14 al 19 aprile.

Dopo le prime cartucce sparate con nomi del calibro di Machinedrum, Kate Tempest, Shabazz Palaces e The KVB (per citarne alcuni), Elita ha annunciato ieri altri act che rendono ancor più appetibile la line-up: Benjamine Clementine, Ninos Du Brasil, Falty DL, Larry Gus, Brooke Fraser, Aucan, Ice One pres. Break-Stra ft. P-Funking Band. Non è ancora finita: nelle prossime settimane il programma del festival – il cui tema di quest’anno è #BORDERLESS, a sottolineare la ricchezza culturale alla base della rassegna – sarà completato con l’aggiunta di nuovi nomi, spazi e progetti.

dwf10update-lineup

Della seconda serie di annunci, Benjamin Clementine è senza dubbio l’artista che più ci sentiamo di consigliarvi. Il musicista e poeta inglese ha recentemente pubblicato uno splendido esordio, “At Least For Now”: un’opera in cui spoken word e black music flirtano contaminandosi, con risultati a dir poco clamorosi. Imperdibile.

Anche FaltyDL è uno di quelli che sarebbe bene non lasciarsi scappare. Il producer nativo del Connecticut, raffinato remixer di una lunga schiera di artisti, ha dato alle stampe l’anno scorso “In The Wild” per la sempre ottima Ninja Tune. La sua arguta contaminazione di UK garage e house gli è valsa anche la possibilità di aprire un concerto dei Radiohead tempo fa.

https://www.youtube.com/watch?v=vU7uw09nc_A

Infine, a raggiungere Populous tra le fila degli artisti di casa nostra ci sono Ninos Du Brasil e Aucan. Che si tratti delle percussioni selvagge dei primi o delle nuove sfide elettroniche dei secondi, la percezione è che l’Italia stia vivendo una nuova grande epopea elettronica. Speriamo solo che le crescenti attenzioni dedicate da pubblico e media a questa “primavera” non ne snaturino la sincerità.

In attesa dei prossimi annunci, la Design Week Festival è uno degli eventi da segnare di rosso sul calendario, come e più delle feste comandate.

Livio Ghilardi

Nato a Noci (BA) nel 1991, dopo la maturità classica si trasferisce a Roma dove, tra un concerto e l’altro, studia Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata ed è borsista presso il Collegio Universitario "Lamaro Pozzani".
Scrive di musica per Zero, Nerds Attack, DLSO. Sulla web-radio Radio Bombay tiene il programma “La Voce del Marpione", per Cucina Mancina cura la rubrica "Rock Around The Fork". Musicalmente e gastronomicamente onnivoro, poliglotta per natura, classicista mancato, bassista a tempo perso, tifoso del Bari nonostante tutto.

Potrebbero Interessarti

AW LAB STYLE ACADEMY POWERED BY ADIDAS ORIGINALS

4 masterclass per mostrare il proprio stile e la propria creatività

#REDENTORE2019

Storia e Suggestioni per la festa più spettacolare dell’Estate: il Redentore di Venezia. Swatch in laguna rinnova il suo legame con la Biennale.

Fuck Normality 2019

Fuck Normality nasce in Salento e da qualche anno ormai ha il suo epicentro al Sudestudio di Guagnano, studio di registrazione immerso fra gli ulivi secolari.

Ultimi Articoli

DESIGN

Gli allegri accessori Done By Deer

La modernità del design scandinavo applicata al mondo dei più piccoli

ARTS

Q-ART code di Moaconcept

Un inedito progetto NFT per supportare gli artisti emergenti

DESIGN

Bloomingville MINI

Colori pastello e materiali di tendenza che portano il tocco unico del brand danese anche nella cameretta.

Top