Fotografia, food e ironia: il caledario Ultrapiatti

Sedersi, ordinare, fotografare, postare. Hashtag foodporn, foodblog, foodblogger. Hamburger quattro strati, insalate colorate, pasticcini deliziosi e torte appena sfornate. Cene minimali, pranzi pantagruelici, micro porzioni e migliaia di mi piace […]

Sedersi, ordinare, fotografare, postare. Hashtag foodporn, foodblog, foodblogger.
Hamburger quattro strati, insalate colorate, pasticcini deliziosi e torte appena sfornate.
Cene minimali, pranzi pantagruelici, micro porzioni e migliaia di mi piace e condivisioni.
Se poi a metterci il là finale c’è un evento come l’Expo, il dato è ancora più certo: il 2015 è stato l’anno del food.

LB0A7653_2

Piatti d’autore, da quelli stellati Michelin a quelli mediatici Masterchef, hanno ispirato tanti piatti d’amatore, quelli dei non professionisti, quelli di coloro che in cucina si cimentano con amore, coraggio, qualche pentola bruciata e annessa scottatura riportata.
Migliaia di creazioni di più o meno successo, che a loro volta hanno ispirato un’altra tipologia di piatti, non da mangiare ma da vedere e su cui pensare.
Tra ironia e fotografia nascono gli Ultrapiatti, 12 scatti raccolti in un calendario, quello per l’anno che verrà, in cui il cibo è unito ad oggetti del vivere quotidiano in dissacranti giochi visivi e abbinamenti surreali.
Il concept del progetto, elaborato dai due fotografi Paolo Belletti e Marco Disarò, era quella di dare una visione dissacrante e sarcastica del mondo food, che con tutta l’hype che gli ruota attorno rischia davvero di prendersi troppo sul serio. A completare l’opera, la collaborazione con lo chef Nicola Cavallaro del Ristorante “Un posto a Milano”, che ha ideato per ogni foto ricette e aneddoti raccolti in divertenti note culinarie a margine.
Realizzato su carta riciclata e a tiratura limitata, il calendario Ultrapiatti può essere il regalo natalizio perfetto sia per tutti gli amici che “prima il selfie con il panino e poi mangio”, sia per tutte le mamme della tradizione, quelle con grembiule, farina e passione.

27_nov_20_02

zucca CERA

foto n┬░-15_41

27_nov_20_11

LB0A45631_bis

Oltre ad “Ultrapiatti”, tutte le collaborazioni e i progetti dei due fotografi Paolo Belletti qui e di Marco Disarò qui.
Uno sguardo anche a “Un posto a Milano”: cucina, bar e foresteria nello spazio culturale “Cascina Cuccagna”, dove lo chef Cavallaro delizia palati e racconta storie.
Lettering e grafica a cura di Moby Dick Adv, agenzia pubblicitaria di base tra Milano e Padova.

Maddalena Ciesa

Mi occupo di comunicazione sul web, per passione e per lavoro.
Leggere e raccontare di moda sono il mio pane quotidiano, mettici anche una buona colonna sonora in un contesto di design dallo styling curato.
Per comunicati stampa o se hai un progetto interessante: maddalena.ciesa@gmail.com

Potrebbero Interessarti

Lettera40, compri un poster e doni per le regioni colpite dal Covid-19

Lo studio Sunday Büro chiama a raccolta i maggiori illustratori italiani per una raccolta fondi.

Stay for breakfast

Tutti abbiamo un rituale mattutino, ricco di dettagli e differenze. Il libro edito da Gestalten presenta idee di colazione per un mix di occasioni.

MAGICA PARIGI

POSTI E CONSIGLI IMPRESCINDIBILI CON CUI VIVERE E GODERE UN (LUNGO) WEEK-END NELLA VILLE LUMIÈRE.

Ultimi Articoli

FASHION

I teli da mare Tucca non temono il vento

Design e funzionalità per colorare le tue giornate in spiaggia

FASHION

Branta, la capsule collection di Canada Goose

5 capi capi che esplorano l’interazione tra luce, arte e funzionalità

MUSIC

Quadrilogia degli stati d’animo, il nuovo EP di Corteccia

Il nuovo EP del duo lombardo Corteccia arriva a quattro anni dal primo album e ne ridefinisce l’immaginario sonoro e visivo.

Top