Spotify in Italia!

Giugno 2009. È un mattinata particolarmente maleodorante. Paquito, collega Caditano con cui divido la scrivania in una polverosa agenzia di Jerez de la Frontera, sussurra a 500 mila Db e […]

Giugno 2009. È un mattinata particolarmente maleodorante. Paquito, collega Caditano con cui divido la scrivania in una polverosa agenzia di Jerez de la Frontera, sussurra a 500 mila Db e con le sue cuffione ben piantate sulle orecchie: “Quillo, Esteban. Sabes que es Spotify? Como que es? Es l’aplicacion donde buscas toda la musica que quiere y gratis. Picha està superguay”.
Tutta la musica che ti viene in mente a tua disposizione, gratis e sul tuo puto ordenador. Ascolto in sei mesi tanta di quella musica da far invidia ad una commessa della Standa.

Torno dalla Spagna e scopro che Spotify a casa mia non funziona. Ne faccio di ogni: forzo il sistema con proxy fasulli, installo camuffatori di ip. Ma nulla funziona per sempre. Ad ogni fallimento mi resta sempre una sola triste considerazione: “l’Italia non sarà mai un Paese civile fin quando non abiliteranno Spotify”.

Tutto ciò fino ad oggi pomeriggio.

È appena finita una riunione e mi fermo in un bar per rilassarmi prima di tornare in Agenzia. Bevo la mia birra leggendo le email. Mi alzo per andare a pagare il conto e noto che il mio vicino di sgabello ha dimenticato qualcosa proprio sul bancone. È un coupon di un verde conosciuto quello che mi ritrovo fra le mani, con su una scritta a dir poco chiara: Account VIP anteprima Spotify.
Lancio le monete sul cassiere, salgo in bici e scappo verso il mio computer, perfetto nei panni di un novello Brian Hogan. Scivolo via dai colleghi che mi chiedono una mano a portar su montagne di casse d’acqua e mi siedo alla scrivania, le cuffione ben piantate sulle orecchie – effettivamente sono molto simili a quelle di Paquito: “Allora: spotify.com, account, password, scarica .dmg, login.
Cazzo Funziona!

L’anteprima funziona. Non so come non so quando ma a quanto sembra Spotify sta bussando all’uscio dell’Italia. La conferma sta nella musica che ascolto da ore, nei miei Tweet schizofrenici, nello screenshot che trovate in questo articolo.
Nel ringraziarmi dell’avvenuta registrazione Spotify mi assicura che mi terrà informato su quando la musica sarà disponibile per tutti. Vi assicuro che non appena ne saprò qualcosa sarà su Polkadot che lo scriverò! Per ora posso solo dire:
Finalmente l’Italia sta per diventare un Paese civile.

Potrebbero Interessarti

GoGo Penguin: a new jazz perspective

Welcome to the new jazz scenario where group interaction, individual voice and talent, improvisation and syncopation all come together in the most amazing performance by 3 young lads from Manchester. […]

UBI Banca ti regala musica e notti magiche

Pronti per provare a vincere i più bei concerti dell’estate? “Senza Parole” è una delle canzoni più famose di Vasco Rossi. Chissà quanti hanno immaginato di cantarla a squarciagola insieme […]

Avant-pop, musica video e arti digitali alla preview del C2C15 x Romaeuropa

Venerdì 16 e sabato 17 ottobre il Club to Club va in trasferta. Questa volta la meta prescelta per la preview del più importante festival italiano di arte e cultura […]

Ultimi Articoli

DESIGN

FRAMOUR eyewear

FRAMOUR eyewear è il brand di occhiali da sole e da vista nato da un’esigenza: trovare degli occhiali da sole eleganti che non costino un occhio della testa. L’esigenza è quella di Filippo e Riccardo, fratelli, che proprio col nome Framour vogliono comunicare il loro amore per gli occhiali da sole: frame + amour (per quel tocco d’eleganza francese).

BARCELONA

Barcelona – The Monocle Travel Guide Series

Alla scoperta delle luci, suoni e sapori che la città catalana ha da offrire

FASHION

Waxman Brothers SS18

Nuove fantasie per l’estate

Top